MILANO – Caccia, niente tassa regionale per nuove licenze. Rolfi (Lega): “Aiutiamo settore penalizzato”

0

Nel consiglio regionale della Lombardia che ieri ha approvato il bilancio per il 2015, è stato accolto un emendamento della Lega Nord che consente ai cacciatori di non pagare al primo anno la tassa di concessione di competenza della Regione sulla caccia. “Esprimo soddisfazione per l’approvazione di questo emendamento che va a esentare, per il primo anno, la tassa adesso di 64 euro, a quelli che nel 2015 otterranno la licenza di caccia.

Complessivamente – dice il consigliere regionale della Lega Nord, Fabio Rolfi – per questa misura sono stati messi a bilancio 65 mila euro, calcolati in base ai numeri delle nuove licenze ottenute nel 2013. Non nascondiamo come si tratti di una misura per incentivare i nuovi cacciatori, in particolare i giovani intenzionati ad avvicinarsi alla pratica venatoria, un mondo che negli ultimi anni è stato fortemente penalizzato, per ragioni puramente ideologiche, dai governi di sinistra sempre proni di fronte alle paturnie dei talebani dell’animalismo.

A questo proposito basti ricordare i danni fatti sulla caccia in deroga, sull’apertura dei roccoli e cattura dei richiami vivi e non da ultimo la vergognosa questione dello spiedo bresciano. Il legislatore regionale della Lombardia – continua Rolfi – si schiera quindi dalla parte dei cacciatori, ben consapevole dell’importante valore tradizionale, sociale ma anche economico insito nell’attività venatoria”.