BRESCIA – Albero della Vita, polemica su plagio chiusa. “Non è copiato, ha presupposti diversi”

0

L’Albero della Vita che sedici aziende riunite nel consorzio “Orgoglio Brescia” stanno costruendo per allestirlo all’ingresso del Padiglione Italia a Expo 2015 a Milano non è stato copiato. Almeno l’idea non è la stessa. Nelle scorse settimane il progetto di Marco Balich ideatore dell’Albero era stato contestato dagli architetti inglesi Chris Wilkinson e Andrew Grant perché, a detta loro, era troppo simile ai Supertrees di Singapore, in Cina.

Balich, invece, aveva parlato di “insinuazioni ridicole” e di essersi ispirato al pavimento della cattedrale di Otranto e alla piazza del Campidoglio di Michelangelo. E a distanza di pochi giorni la polemica si sarebbe dissolta, visto che in una comunicazione diffusa dagli architetti inglesi non si parlerebbe di alcun tipo di plagio. “Non sono minimamente preoccupato del tuo progetto per il Padiglione Italia e non ho la minima intenzione di procedere legalmente.

Sebbene ci siano delle similitudini fra i due progetti, riconosco che il tuo nasce da presupposti completamente diversi. Come ti ho detto – scrivono i due architetti in una nota ritenuta attendibile – il progetto dei Supertrees è di Andrew Grant della Grant & Associates. Il ruolo del mio studio Wilkinson Eyre Architects è stato focalizzato soprattutto sui Biodomes e mi spiace che i giornalisti ci abbiano identificati erroneamente. Spero che questa mia dichiarazione sistemi tutto e vi auguro il maggior successo possibile per questo progetto”.