MILANO – Attrazioni integrate per turismo, 4 milioni dal Pirellone. Parolini: “Bisogna pensare in grande”

0

“Un piano senza precedenti, che, per la prima volta, punta a integrare tutte le ricchezze e le eccellenze dei nostri territori con azioni finalizzate a promuovere e valorizzare il sistema dell’offerta turistica ai turisti, gli operatori dei settori commercio, turismo, moda, design e gli opinion maker, anche in previsione di Expo 2015, e per il quale la Regione investirà 4 milioni di euro”. L’ha detto l’assessore lombardo al Commercio, Turismo e Terziario Mauro Parolini, commentando il Piano dell’attrattività integrata 2015 approvato oggi su sua proposta dalla giunta regionale.

“L’obiettivo è superare la frammentarietà e – ha spiegato Parolini – consolidare la presenza dei brand della Lombardia sul mercato nazionale e internazionale, sostenendo gli operatori, promuovendo sinergie e forme di promozione integrata”. Per Parolini, infatti, “il 2015 sarà un anno decisivo per la Lombardia: vogliamo che, sfruttando le grandi opportunità che l’Esposizione universale potrà offrire, l’attrattività del nostro territorio compia un vero e proprio salto di qualità, con effetti duraturi in termini di competitività turistica e commerciale.

Per affermarsi, essere visibili e attrattivi nella vastità della piazza globale occorre pensare in grande e mettere in rete tutte le nostre energie. La Lombardia non manca certo di grandi potenzialità, può anzi contare su un’offerta di prim’ordine, che passa attraverso Milano, le città d’arte, il turismo religioso, i laghi e le montagne e la grande laboriosità e creatività che contraddistingue il tessuto economico della nostra regione. Sono certo che queste caratteristiche potranno essere valorizzate attraverso questo piano e – ha concluso Parolini – costituire elementi di attrattività unici, soprattutto per quei Paesi emergenti che si stanno affacciando al mercato turistico e rappresentano, oggi, una porzione molto importante della domanda internazionale”. Ecco tutti i punti principali che fanno parte del piano.

– Partecipazione alle manifestazioni fieristiche italiane (BIT-Borsa Internazionale del Turismo e TTI Travel Trade Italia) e internazionali (FR.E.E DI Monaco di Baviera, l’International Travel Trade Show di Berlino, il MITT di Mosca, il TUR di Goteborg e l’IMEX di Francoforte). Supporto agli operatori per il consolidamento per nuove forme di turismo, in particolare quello scolastico. Sul mercato europeo e internazionale gli obiettivi riguardano il mantenimento del grado di fidelizzazione dei turisti di lingua tedesca. L’individuazione di offerte turistiche mirate e rispondenti alle esigenze specifiche dei turisti russi, ucraini e polacchi, e di nuove offerte per intercettare flussi turistici provenienti da Cina e India e altri mercati emergenti come, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita.

– Valorizzazione dei Distretti dell’Attrattività e dei Distretti del Commercio. Iniziative di promozione integrata dell’attrattività turistica e sostegno regionale all’animazione turistica e agli eventi locali. Promozione di nuovi percorsi dell’offerta integrata dei negozi storici e degli itinerari turistici. Rilancio del turismo religioso.

– Per l’attuazione del Piano sono state destinate complessivamente risorse pari a 4 milioni di euro, a cui potranno aggiungersi ulteriori risorse nell’ambito della Programmazione Comunitaria 2014-20.

– Accordi con il sistema camerale, associazioni di categoria e consumatori. Collaborazione e partnership con i soggetti di riferimento per la promozione dell’attrattività del territorio, con i sistemi fieristici e gli attori che operano nei settori legati all’accessibilità (Sea, operatori aeroportuali, compagnie aeree e ferroviarie). Consolidamento partenariati e aggregazioni a livello locale (Distretti del Commercio e dell’Attrattività) e collaborazioni con altre Regioni e altri soggetti istituzionali.

– Sono previste attività di promozione e comunicazione tradizionale e online finalizzate a migliorare la visibilità e il posizionamento dell’offerta (partnership con soggetti pubblici e privati, valorizzazione dei Distretti dell’Attrattività, le collaborazioni con le altre Regioni, il cineturismo, gli educational tour per giornalisti e travel blogger esteri, la partecipazione alle fiere del turismo nazionali ed internazionali).