MANERBIO – Nuovi giochi-arredi interattivi donati da Abio alla Pediatria dell’ospedale

0

Sono stati consegnati oggi gli arredi interattivi donati alla Pediatria dell’ospedale di Manerbio dalla sezione locale Abio che si è fatta promotrice della raccolta fondi “I bambini fanno ohh” alla quale hanno aderito numerosi benefattori, privati cittadini e un’azienda, raccogliendo 16.850 euro. Accanto al direttore generale dell’ospedale Marco Votta erano presenti il direttore della Pediatria Mario Colombo, la presidente della Conferenza dei Sindaci Maria Carlotta Bragadina e, in rappresentanza di Abio Manerbio, la presidente Paola Cividati. In Pediatria un bibliotecario del paese ha intrattenuto i bambini ricoverati con un racconto animato sul tema del dono, trattato nel suo significato e valore più alto spiegando loro anche il senso della giornata.

“Siamo qui oggi per ricevere un’altra donazione a favore dell’Ospedale di Manerbio – ha sottolineato il direttore generale Marco Votta – e non posso che essere gratificato da questo gesto che è un riconoscimento verso l’azienda ospedaliera, le sue strutture e i suoi operatori. Ringrazio Abio per questa iniziativa e tutti quelli che hanno raccolto la proposta sostenendo il progetto. Voglio ringraziare anche tutti i volontari di Abio che prestano la loro opera, in modo totalmente gratuito, in Pediatria arricchendo, ormai da anni, l’attività del reparto negli aspetti più legati all’accoglienza: una presenza molto gradita dai bambini, dalle loro famiglie e dagli operatori”.

“Siamo consapevoli – ha detto la presidente di Abio Paola Cividati – che gli obiettivi si raggiungono insieme. Ci siamo impegnati e lo abbiamo fatto incontrando la disponibilità di ognuno, un elemento prezioso, capace di superare l’oggi e spronarci in termini operativi a proseguire i lavori completando stanze di degenza e ambulatori medici. Il mio augurio è quindi quello di andare avanti su questa strada con l’aiuto di tutti voi”. Grazie alla donazione sono stati installati, nei corridoi della Pediatria, numerosi arredi interattivi che fungono anche da gioco e, nella sala di attesa del pronto soccorso, nuove sedute, attaccapanni a piantana e portaombrelli.

Tutti gli elementi sono stati acquistati da Abio alla ditta Ludovico di Bologna, specializzata nella progettazione e allestimento di ambienti dedicati ai bambini in contesti collettivi e protetti avendo già allestito reparti pediatrici di altre importanti strutture ospedaliere del nord Italia. Sono realizzati in legno senza sporgenze o parti pericolose, sono trattati con colori e vernici atossici, rispettano tutte le norme in materia garantendo quindi sicurezza, igiene e funzionalità. Tutti i giochi hanno inoltre una valenza educativa.