MACLODIO – Colpo della Carlo Gnutti Spa, due aziende svedesi passano sotto l’ala dell’Italia

0

Nei mesi scorsi, nostro malgrado, siamo stati abituati a vedere griffe di moda e storiche aziende italiane comprate dai colossi stranieri. Una possibilità di lavoro per altri e poche per l’Italia. E soprattutto un danno di immagine. Ma la storia che racconta l’edizione bresciana del Corriere.it va decisamente al contrario. La ditta Gnutti Carlo Spa del paese della bassa bresciana, leader nei componenti di precisione per motori e con sedi anche negli Stati Uniti, altri Paesi europei e in India, ha fatto spesa.

Nel mirino dell’azienda di Maclodio sono finite due ditte, tra l’altro concorrenti, della Svezia. La prima operazione è stata capitalizzata il 4 dicembre scorso quando la bresciana ha portato a casa la Vici Industri AB di Skovde, che fornisce gruppi bilancieri a, tra gli altri,Scania, Volvo e Man. Ieri, invece, martedì 16 dicembre, ha acquisito dalla finlandese Capman la svedese Ljunghall Group AB, che si occupa di pressofusioni lavorate in alluminio per l’industria automotive e telecomunicazioni.

E’ una ditta importante dal punto di vista dei numeri, visto che si parla di un fatturato di circa 120 milioni di euro nel 2014 con 770 dipendenti tra Sodra-Vi in Svezia e Caslav in Repubblica Ceca. Per la Carlo Gnutti Spa è l’occasione di portare a casa contratti di fornitura e conquistare esperienze nel settore.