MILANO – Treni, ministro Lupi revoca “precettazione”. Venerdì 12 sciopero confermato dalle 9 alle 16

0

Aggiornamento 11-12 ore 20,30 Domani, venerdì 12 dicembre, i treni resteranno fermi in tutta Italia dalle 9 alle 16 per lo sciopero nazionale indetto dalla Cgil e Uil. La notizia è arrivata pochi minuti fa dopo che il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Maurizio Lupi ha revocato la “precettazione” imposta ai sindacati. La faticosa trattativa si è conclusa in giornata e quindi, anche se con un’ora in meno, i macchinisti incroceranno le braccia dalle 9 alle 16.

(11-12 ore 18,35) Oggi il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi aveva parlato di “precettazione” per quanti domani avrebbero partecipato allo sciopero di otto ore indetto inizialmente dai sindacati. E a poche ore di distanza le sigle sindacali hanno rinviato l’agitazione che era prevista per domani, venerdì 12 dicembre, dalle 9 alle 17. Quindi, treni regolari sulla Rete ferroviaria italiana.

Resta confermato, invece, quello dalle ore 21 di sabato 13 fino alle 21 di domenica 14 dicembre. Domani, sempre dalle 9 alle 1, invece, potrebbero esserci cancellazioni o variazioni su Rete Ferrovienord, visto che il personale non fa parte della disposizione del ministero.

A rischio sono le linee Novara Nord – Saronno – Milano, Como Nord – Saronno – Milano, Laveno Nord – Saronno – Milano, S1/S3 Lodi – Milano – Saronno (tratta Milano Bovisa – Saronno), S2/S4 Milano – Mariano Comense/Camnago Lentate, Milano – Seveso – Asso, S9 Albairate – Milano – Seregno – Saronno (tratta Seregno – Saronno), S13 Milano Bovisa – Pavia, Brescia – Iseo – Edolo, Milano Cadorna – Malpensa Aeroporto, Milano Centrale – Milano P.ta Garibaldi – Malpensa Aeroporto e Luino – Gallarate – Malpensa Aeroporto. I treni che si muoveranno all’inizio dello sciopero arriveranno regolarmente alla stazione finale.