CAPRIOLO – Sequestrata una moschea, non si poteva pregare. Era dedicata a ufficio

0

Doveva essere uno stabile per ufficio come previsto dalla destinazione d’uso architettata dal Comune e invece avevano costruito una moschea. E’ successo nel paese franciacortino dove giovedì scorso, come riporta il Giornale di Brescia, è stata sigillata e sequestrata l’intera struttura di 200 metri quadrati al piano terra di un edificio tra via Roma e Paratico.

La situazione si era fatta “calda” quando il 29 giugno scorso, primo giorno del Ramadan, i residenti della zona avevano visto molti fedeli extracomunitari recarsi sul posto per pregare. A quel punto è partita una diffida dal Comune guidato dal sindaco Luigi Vezzoli per vietare celebrazioni e riti in quella struttura non adatta.

Lo stabile era stato concesso in affitto a un’associazione culturale che però la usava come luogo di culto. La diffida è rimasta inascoltata e la gente continuava ad arrivare, prima che il sindaco emettesse un’ordinanza. E l’altro ieri è scattato il sequestro.