BRESCIA – Tagli al trasporto pubblico, Peli (Provincia): “Scelta politica della Regione”

0

Meno 155 milioni dal Pirellone al trasporto pubblico locale. E’ la doccia fredda emersa ieri alla conferenza regionale sul tema con il presidente Alberto Cavalli e che ha riunito gli assessori delle province lombarde con Diego Peli in rappresentanza del Broletto di Brescia. In pratica, sul fronte bresciano, le casse comunali avranno 900 mila euro in meno, e oltre 2 milioni la Provincia.

Una scelta che ha generato le proteste degli assessori, parlando di “impossibile subire il taglio dalle Regione che cade tutto su province e Comuni, bisogna collaborare”. E i tagli potrebbero essere una pietra sopra la riforma del trasporto pubblico, tra meno corse nelle ore di punta e niente autobus dove ci sono pochissime persone  prenderlo le associazioni delle aziende di trasporto.

La strada sarebbe quella degli aumenti delle tariffe e la riduzione dei posti di lavoro. 16% sui trasporti e 3,5% sulla sanità sarebbero i tagli che la Regione vorrebbe adottare, ma Peli parla di “scelta politica”. “Lo Stato dà alla Lombardia 820 milioni di euro ogni anno per i trasporti e non taglia – critica Peli – mentre la Regione cancella un terzo destinato al settore”. L’assessore regionale Cavalli ha confermato nuovi incontri prima che la Regione chiuda il bilancio. Con 155 milioni di tagli il sistema dei trasporti rischia di crollare.