SAREZZO – Libri, Alberto Angela arriva il 12 dicembre. La mattina alla scuola “La Pira” e la sera al “Primo Levi”

0

Il celebre scrittore, giornalista e divulgatore scientifico Alberto Angela sarà nel paese valtrumplino venerdì 12 dicembre, per la prima volta in provincia di Brescia. Al mattino incontrerà i genitori e gli studenti della scuola media “Giorgio La Pira”. Albero Angela è noto tra i ragazzi per le sue trasmissioni televisive storico scientifiche come “Ulisse” o “Passaggio a Nord-Ovest”, spesso utilizzate anche a scuola come materiale didattico.

Inoltre in serata, alle ore 20,30, nell’aula magna della scuola superiore “Primo Levi” è prevista la presentazione del suo ultimo romanzo “I tre giorni di Pompei”, opera in cui racconta venticinque anni di studi sulla città sepolta. Dopo molti anni passati a studiare la zona vesuviana, con il supporto di archeologi e vulcanologi, Alberto Angela ha ricostruito come in presa diretta i giorni che ne segnarono il tragico destino. Per far respirare le atmosfere di quei momenti, ha individuato alcuni personaggi storicamente esistiti e li ha seguiti passo dopo passo, in un percorso che si può fare ancora oggi, per strade, campagne, case o locali pubblici.

Dettagliato e aggiornato con gli studi più recenti, il libro è un viaggio nel mondo antico, lo sconvolgente reportage di una tragedia, un libro unico che si legge come un romanzo e ha la profondità di un saggio. Tramite legami di amicizia con uno degli assistenti di Angela, Roberto Armenia e con la collaborazione della pittrice Cinzia Bevilacqua, l’autore ha accettato l’invito a Sarezzo del sindaco Diego Toscani, “convinto sostenitore dell’importanza della cultura e della sua diffusione.

Si tratta di una grande opportunità per la nostra valle e confidiamo che alla serata partecipino centinaia di persone. Vogliamo che questo genere di appuntamenti – dice il primo cittadino – diventi una tradizione e cercheremo di ospitare a Sarezzo personaggi di altissimo profilo che con le loro capacità e la loro conoscenza del mondo possano essere guida e stimolo per le nuove generazioni”.