BRESCIA – Conferenza contro lo spreco alimentare alla Queriniana

0

In Italia si buttano 20 milioni di tonnellate di alimenti, pari a 12 miliardi di euro. Una cifra da capogiro, che potrebbe essere impiegata per opere importanti. Ma soprattutto una montagna di cibo in larga parte ancora perfettamente edibile e che potrebbe essere ridistribuito fra chi ne ha più bisogno.

Di questo tema e delle molte implicazioni economiche e ambientali legate allo scarto si parla venerdì 5 dicembre alle 17 nella conferenza “Brescia contro lo spreco alimentare”, organizzata dall’associazione Un Pane per Tutti e patrocinata da Comune di Brescia, che si tiene nella sala conferenze dell’Emeroteca Queriniana di palazzo Broletto (Piazza Duomo).

Il contrasto allo spreco alimentare, l’educazione e l’incentivazione alla ridistribuzione o alla donazione del cibo sono imperativi etici e morali. E molte altre ancora sono le ragioni che dovrebbero indurci a un consumo alimentare più consapevole e a una drastica riduzione dei rifiuti, a partire da quelle economiche, ambientali e nutrizionali.

Scelte oculate e consapevoli da parte dei singoli, unite a interventi legislativi, possono contribuire a dare organicità ad azioni fondamentali per la sopravvivenza del pianeta e dei suoi abitanti: imparare a conservare i cibi acquistati e a reimpiegare gli avanzi, incrementare la raccolta differenziata, istituire una legge che regolamenti la consegna degli alimenti in scadenza e che applichi sgravi fiscali sulla tassazione dei rifiuti, incentivando in tal modo le donazioni.

Ridurre, recuperare e riutilizzare: questo potrebbe essere l’imperativo.

Ne parleranno autorità cittadine (il vicesindaco Laura Castelletti e l’assessore Roberta Morelli), la senatrice Laura Puppato (associazione Un’altra idea di mondo) e rappresentanti dell’associazionismo e delle cooperative (Planet Life Economy Foundation, Cauto, Banco alimentare, Senza Spreco, Un pane per Tutti).