RODENGO SAIANO – Lotta fibrosi cistica, successo di pubblico e iniziative all’oratorio di Padergnone

0

Ha riscosso notevole successo l’intensa tre giorni che lo scorso weekend ha coinvolto l’intera comunità locale nella lotta alla fibrosi cistica. “Insieme per i nostri bambini” è stato il titolo dell’iniziativa organizzata dall’amministrazione comunale e dalla Lega Italiana Fibrosi Cistica, una malattia che coinvolge molti più bambini di quanto si potrebbe pensare se solo si considera che un bimbo ogni 2.000/2.500 nati soffre di questa patologia. Punto di riferimento di questa che è diventata una tradizione (quest’anno si è celebrata la ventesima edizione) è stato il teatro dell’oratorio di Padergnone, che ha ospitato una serie di appuntamenti che hanno cercato di coinvolgere il maggior numero possibile di persone, ponendo al centro dell’attenzione la sfida che dev’essere lanciata con crescente determinazione alla fibrosi cistica.

La manifestazione ha preso il via venerdì scorso con la cena benefica e le iniziative di solidarietà che si sono svolte nella cornice di Villa Giardino a Paderno Franciacorta. Alla serata, aperta dal saluto dell’assessore ai Servizi sociali del Comune, Arturo Alberto, ha partecipato la responsabile del Centro supporto Fibrosi Cistica degli Spedali Civili di Brescia, Rita Padoan. La sera seguente, presentati dall’introduzione del sindaco Giuseppe Andreoli, Alma Berlendis e Giordano Bozzola hanno illustrato il progetto adulti (e stato dell’arte) del Centro Fibrosi Cistica di Brescia.

Al termine dell’approfondimento, sempre nel teatro dell’oratorio, la compagnia “Il Loggione” di Passirano ha presentato la commedia dialettale “Còsa toca fa per troà el post de laurà” seguita a sua volta da un’estrazione a premi benefica. Il terzo giorno dell’iniziativa, infine, ha riservato un occhio di riguardo ai più piccoli e alle famiglie. C’è stato spazio per “Bambini in festa” che ha poi lasciato il testimone al “Pifferaio magico”, animazione e giochi proposti dai ragazzi del catechismo dell’oratorio di Padergnone. Poi la tombola in famiglia che ha riunito persone di tutte le età.

Se a tutto questo aggiungiamo la bancarella della solidarietà che è rimasta aperta sabato 29 e domenica 30 novembre con un ricco campionario di proposte (vino e olio della Franciacorta, fiori di Natale ed oggettistica di vario genere), si può dire che la sfida lanciata alla fibrosi cistica ha coinvolto tante persone, offrendo un motivo di soddisfazione agli organizzatori (Comune e Lega Italiana Fibrosi Cistica) ed una ragione di speranza in più ai pazienti costretti a fare i conti con questa malattia.