VALSABBIA – Green Jobs e strategia GAL 2020

0

Il GAL GardaValsabbia ha attivato in collaborazione con l’ITC-ILO di Torino, agenzia di formazione dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ONU) un percorso di riflessione sulle professionalità green in vista del nuovo piano di sviluppo locale partecipato 2014-2020. Questa riflessione avrà un momento centrale nel focus group di lunedì 1 dicembre: con la supervisione del dr. Enrico Tezza, Senior Programme Officer, dell’ITC-ILO, alcuni attori dello sviluppo rurale si confronteranno in lavori di gruppo sui risultati del progetto Green Line e sulle prospettive occupazionali in ambito Green nel nostro territorio.

I problemi che l’Europa e i territori dell’Alto Garda Bresciano e dall’Alta Valle Sabbia devono affrontare rientrano nel così chiamato “credit crunch” che investe l’Europa dal 2008. Sia nel caso finanziario sia nel caso ambientale, il credit crunch (stretta del credito) indica la limitata capacità di usare risorse future. Le conseguenze di questa ridotta capacità si trasferiscono sia sui consumi, sia sull’occupazione, soprattutto quando le risorse naturali diventano “vitali” per lo sviluppo rurale. L’Attrattività e la Competitività delle aree rurali dipendono, quindi, dalla capacità di bilanciare l’uso delle risorse con la loro destinazione economica e sociale, necessarie per lo sviluppo endogeno.

Le politiche occupazionali Green based, hanno il vantaggio di agire su ogni dimensione della sostenibilità sia ambientale sia sociale. Per questo motivo appaiono di grande interesse per la strategia del GAL. Al tempo stesso, impongono rigore e impegno metodologico per far convergere in un insieme coerente le molteplici variabili in gioco.
Diventa necessario associare più interventi rivolti alla tutela ambientale, alla rivitalizzazione sociale, all’attrattività turistica, all’imprenditorialità sociale, alla successione imprenditoriale, la messa in rete delle politiche pubbliche, alla capacità di governance delle istituzioni pubbliche, alla creatività degli investitori privati, alla formazione professionale dei giovani specificatamente orientata alla promozione territoriale. Misure trasversali di supporto saranno inoltre richieste per sviluppare un’Identità territoriale collettiva e una Prontezza al cambiamento (Readiness for change).

Fonte NL Il Canto del GAL