MILANO – Maltempo Lombardia, tutti gli aggiornamenti. Stasera si prevede la piena del Po

0

Aggiornamento 17-11 ore 14 Sul fronte del maltempo in Lombardia, con l’arrivo di nuove piogge che stanno già cadendo in buona parte della Regione, la Protezione civile ha diffuso la nuova situazione alle 12,30. I livelli dei laghi rimangono elevati, con esondazioni dei laghi Maggiore, Como, Pusiano e Varese. Tutti i corsi d’acqua lombardi principali sono attualmente in discesa, con valori che si mantengono, comunque, elevati. Le piogge in corso potrebbero determinare condizioni di moderata o elevata criticità, in particolare sul reticolo idraulico nord milanese (Olona, Seveso, Lambro) e reticolo minore. Il colmo di piena sul fiume Po è in prossimità della stazione di Piacenza ed è atteso in serata a Cremona.

Sono previsti, a valle di Piacenza, valori al di sopra dell’elevata criticità, che – nelle province di Cremona e Mantova – potrebbero arrivare in prossimità della quota superiore delle arginature a protezione delle golene chiuse. Per la giornata di oggi ci saranno piogge moderate sull’alta pianura e sulla fascia alpina e prealpina, dove non si escludono localmente di forte intensità. Sono attesi nelle 24 ore odierne tra 20 e 50 millimetri di acqua su Pianura, Prealpi e Oltrepò pavese, con valori massimi su Nordovest e Pianura Occidentale fino a 70-80 millimetri in 24 ore. Sono previsti quantitativi di pioggia inferiori ai 20 sulla Valtellina. Zero termico in calo a quota 1600 metri, quota neve a partire da 1.200 metri circa con valori compresi tra 5 e 15 centimetri sulla fascia alpina e prealpina.

Per quanto riguarda le frane, sulla Val Genasca a San Giacomo Filippo (SO) permane, dal 12 novembre, elevata criticità. Presidio della Ss 36 durante il giorno, chiusura notturna o in caso di mancanza di visibilità. Frana Ruinon (SO): sono stati raggiunti livelli di criticità elevata, ora rientrati; Frana Saviore dell’Adamello: sono stati raggiunti livelli di criticità elevata, rientrati poi a moderata criticità dal 9 novembre; Frana Gera Lario (CO): permane, dal 6 novembre, elevata criticità. Mantenuto servizio di monitoraggio visivo; Frana Pal-Sonico: sono stati raggiunti livelli di allarme, rientrati a livello di preallarme dal 9 novembre. Gli ultimi aggiornamenti danno incremento della velocità di movimento per le frane di Val Genasca e Gera Lario, con conseguente aumento dell’attenzione per l’evolvere degli eventi.

Provincia di Cremona
Riunione CCS (Centro Coordinamento Soccorso);
Situazione molto critica in particolare per San Daniele Po: è in corso l’evacuazione della frazione Sommo, già alluvionata nel 2000. È stata ordinata anche l’evacuazione degli allevamenti zootecnici;
Emessa ordinanza di evacuazione nei comuni di Stagno Lombardo (5 famiglie), Martignana di Po (1 famiglia), Casalmaggiore (5 famiglie) e Spinadesco (1 famiglia);
Po: l’Aipo riferisce che i dati attuali testimoniano l’inizio di un calo del fenomeno di piena in corrispondenza del comune di Cremona, mentre i livelli idrometrici presso quello di Casalmaggiore sono ancora in leggero rialzo.

Provincia di Lecco
Evento franoso Favirano/Torre de’ Busi: nella mattinata di ieri è stato effettuato un sopralluogo nell’area interessata, dal geologo comunale, dai tecnici della Ster di Lecco e dal vice sindaco. Il fenomeno ha interessato il pendio vicino alla strada agro-silvo-pastorale ma non ha colpito le abitazioni in zona. La situazione è sotto controllo e non vi sono pericoli rilevanti per l’incolumità pubblica.

Provincia di Lodi
Nella mattinata di oggi si è tenuta una riunione in Prefettura di Lodi per fare il punto della situazione su Adda e Lambro. La situazione è sotto controllo, in particolar modo il livello dell’Adda sta scendendo;
Po, il Consorzio Muzza nella serata di ieri ha effettuato un intervento di rottura degli argini a difesa delle isole golenali. Tutte le zone sono state evacuate, tranne 2 abitanti in località Gargatano nel Comune di Somaglia.
Il colmo di piena del Po è in transito, ma secondo l’Aipo non ci sono particolari problemi, nonostante la pioggia prevista nelle prossime ore (ci si attende un abbassamento a 6,50 metri);
Chiusa la Sp 115 Lodi Vecchio-Salerano per cedimenti strutturali. Rilevati altri cedimenti sulla Sp 14 Cornovecchio-Corno Giovine, ma la strada è rimasta aperta;
Riaperta la Sp 125 Borghetto Lodigiano-Livraga.

Provincia di Milano
Trezzo d’Adda: è in atto un evento di piena che determina il rilascio a valle di una portata pari a 600 mc/s.

Provincia di Monza e Brianza
Cesano Maderno: un argine del Seveso ha ceduto, coinvolgendo un’abitazione e un box privato. Illesi i proprietari. È previsto un sopralluogo della Ster. Attualmente è in corso un intervento preventivo per evitare l’ostruzione del fiume;
Riaperta la Sp 177 Bellusco-Triuggio.

Provincia di Varese
Laveno Mombello: in seguito alla frana che si è verificata ieri e che ha provocato due vittime, nel complesso sono state evacuate 18 persone;
In fase di verifica, da parte della Sala Operativa, segnalazioni diffuse di criticità relative a strade e attraversamenti vari;
Da questa mattina, due vetture di servizio sono impegnate in sopralluoghi presso i punti critici del reticolo. Previsto ritorno in serata;
In corso ricognizione da parte della Provincia.

(17-11 ore 10,36) Vanno avanti i controlli e il monitoraggio da parte della Protezione civile della Regione Lombardia sul fronte del maltempo. Ecco la situazione aggiornata alla tarda serata di ieri. I livelli dei corsi d’acqua in generale sono in decrescita. Il Po è invece in risalita e permangono livelli al di sopra della soglia di elevata criticità nella bassa pianura. Aipo segnala che, oltre alle golene aperte, tuttora in larga parte allagate, anche le golene chiuse secondarie potrebbero essere interessate dalla piena mentre per quelle principali il franco risulterà notevolmente ridotto. È stato emesso il comunicato di passaggio alla moderata criticità sull’intero corso del Lambro. Permane invece il livello di criticità elevata sul lago di Pusiano.

Per quanto riguarda gli smottamenti e le frane, per la frana in Val Genasca e Gera Lario si conferma l’elevata criticità e si segnala un incremento dei valori di velocità. La Sala Operativa mantiene costantemente i contatti con il territorio e provvede a ridistribuire le richieste di intervento a livello locale. La situazione generale a livello regionale parla di 4 vittime a causa del maltempo (una ad Ispra, una a Crema, due a Laveno Mombello), 400 evacuati di cui alcuni in fase di rientro, riaperte tutte le tratte autostradali precedentemente chiuse, ritorno alla normalità su tutte le linee dei treni, con ritardi sulla Milano-Bergamo alla stazione di Melzo, diffuse criticità su tutto il reticolo idrografico secondario, in tutte le province colpite e proseguono, a livello territoriale, le attività di monitoraggio dei corsi d’acqua e dei laghi, con presidio delle zone più critiche.

Provincia di Bergamo
Berbenno: attivato pronto intervento comunale per ripristino strada comunale che ha isolato 2 famiglie. In Via Quarenghi attivato Pronto intervento dello Ster. Isolate 15 persone. Incaricata una ditta per i lavori di somma urgenza.
Capriate: smottamento per l’erosione del reticolo minore. Sul posto Comune, Volontari PC e Ster.
Clusone: interrotta ex Ss 671 per invasione di fango e detriti, alcune strutture fatiscenti a rischio crollo. Esondazione del reticolo minore in località Fiorine. Interessata un’attività produttiva. Sul posto VVF e PC Clusone.
Endine Gaiano: evacuata 1 abitazione (4 persone) e un’attività artigianale a causa di due colate, stabilito pronto intervento comunale; un’altra frana di 8 mila mc non ha interessato strade o abitazioni.
Foresto Sparso: attivato pronto intervento per cedimento strada comunale per frazione Casino che risulta isolata (10 residenti); evacuata una famiglia di 4 persone per una piccola frana, non attivato pronto intervento.
Peia: cedimento di terreno nei pressi di un capannone di attività produttive.
Sedrina: smottamento su Sp ex Ss 470 al km 2 in località Botta. Incaricata una ditta per i lavori di somma urgenza.
Trescore Balneario: smottamento in Via Solatia e in Via Vallesse. Sul posto VVF, volontari comunale e geologo. Sgomberate 20 persone (7/8 abitazioni) nel centro del paese, in corso sopralluogo. Nella notte operati lavori per la messa in sicurezza.
Valbrembilla: sgombero di una casa. Attivato un pronto intervento.
Villa d’Ogna: circolazione compromessa sulla Sp 50 per allagamento di parte della carreggiata

Provincia di Brescia
Isolate 4 frazioni in comune di Pisogne per frana avvenuta nella notte.
Collio: causa frana viabilità ridotta per la frazione Ondegno.

Provincia di Como
Progressivo miglioramento situazione generale in ambito provinciale. Le precipitazioni sono terminate su tutto il territorio provinciale dove, tuttavia, permangono situazioni di difficoltà connesse alla crescita di tutto il reticolo idraulico minore.
Evacuate in nottata a scopo precauzionale 16 persone in comune di Blevio per cedimento di un muro di contenimento. Permangono in stato di evacuazione in tutto il territorio le 31 persone segnalate nella giornata di ieri in attesa di verifiche che saranno effettuate.
La situazione relativa al fiume Lambro in comune di Merone rimane sotto controllo.
Registrati diffusi allagamenti nella parte centro meridionale della provincia di box e scantinati, senza tuttavia il coinvolgimento di persone.
L’esondazione lacuale ha interessato un tratto limitato del lungolago del capoluogo con limitati disagi di circolazione.
Squadre di VVF e pattuglie Forze di Polizia e Volontariato Protezione Civile sono state impegnate in modo massiccio sull’intero territorio provinciale.
Situazione costantemente seguita da Prefettura mediante attivazione Sala Operativa Protezione Civile.

Provincia di Cremona
Situazione molto critica in particolare per San Daniele Po: il sindaco chiede aiuto per l’evacuazione della località Sommo già alluvionata nel 2000. La Provincia è già in contatto con il Comune e sta valutando le necessità per il trasferimento di persone (tra le quali disabili) e intervento per messa in sicurezza degli animali. Comunicheranno eventuali necessità di intervento da parte della CMR.

Provincia di Lecco
Riapertura della Sp 62, Sp 49 e della Sp 180 a senso unico alternato.

Provincia di Lodi
Transitata la piena dell’Adda senza particolari disagi, la situazione rimane monitorata ma il livello del fiume è in decrescita;
Riunione del CCS in Prefettura per la piena del Po a causa della quale è possibile un interessamento delle aree golenali che potrebbero essere liberate nel corso della giornata.

Provincia di Mantova
L’Esercito è operativo per attività di rinforzo degli argini del Po.
Il presidente della Provincia chiederà lo stato di emergenza.
A seguito di una riunione in Prefettura con gli enti interessati, il Prefetto ha inviato una comunicazione ai sindaci che hanno nel loro territorio delle golene chiuse di emettere ordinanza di sgombero per domani.

Provincia di Milano
Sospeso il CCS in Prefettura.
Chiuse UCL a Bollate e Baranzate per rientrata emergenza.
Permangono interventi in corso a Milano, Settala, Melegnano, San Giuliano Milanese, Peschiera, Liscate e Rodano.
Sono intervenute OOV dalle province di Brescia e Bergamo, in particolare per attività in Cologno Monzese e San Giuliano Milanese.
Chiesta dal Comune di Milano fornitura di sacchi di sabbia per esaurimento scorte, messa in contatto con Aipo.

Provincia di Monza Brianza
Chiusi alle 9 la Sala Operativa Unificata Prefettura-Provincia e il CCS.
La notizia del disperso a Lentate Sul Seveso sembra essere un falso allarme.
Prefettura ha chiesto aiuto di squadre da altre province per gli allagamenti nel territorio. Sono intervenute OOV dalle province di Sondrio e Lecco.
Terminate operazioni di soccorso tecnico urgente. Ancora in corso interventi localizzati per aspirazione acqua da abitazioni ed esercizi commerciali interessati da esondazioni e allagamenti.
Sopralluogo in corso sulla frana in località Mocchirolo ad opera di reperibile Ster e Polizia Locale.
Frana a Besana Brianza ha interessato sede stradale ed è stata chiusa la Sp 6. Sopralluogo congiunto Provincia – Comune.

Provincia di Pavia
Rio Brignolo è esondato tra Bastida Pancarana e Castelletto di Branduzzo per un cedimento della sponda. L’esondazione ha interessato una zona agricola. Pronto intervento già attivato ed ultimato da parte dello Ster.
Carbonara al Ticino: apertura dell’Ucl e ordinanza sgombero delle abitazioni poste in area golenale.
Salice Terme: chiuso il ponte della Sp 1 sul fiume Staffora a causa del cedimento di un pilone.

Provincia di Varese
Fiume Oggiona intasato ha causato allagamenti in comune di Maccagno, il sindaco è attivato. Già previsti interventi per rimozione del materiale.
Allagamenti in comune di Gorla Minore.
Per quanto riguarda le due persone decedute a Laveno Mombello, c’è stato l’intervento della PC Locale, dei VVF.
Il sindaco del Comune di Curiglia con Monteviasco (Va) chiede sopralluogo per sospetto di possibile smottamento che minaccia di travolgere il bacino idrico dell’acquedotto comunale.