MILANO – Vetrine e spazi dei negozi più belli, dalla Lombardia mezzo milione ai Distretti commerciali

0

“La qualità è l’eccellenza della nostra rete commerciale deriva anche dalla bellezza e creatività degli spazi espositivi. Con questo bando la Regione mette a disposizione 522 mila euro per gli esercizi dei distretti urbani del commercio per promuovere l’attrattività e la competitività degli esercizi pubblici e commerciali attraverso la realizzazione di vetrine e spazi espositivi creativi, per costruire un’esperienza d’acquisto coinvolgente ed emozionale e massimizzare i risultati e la redditività dei punti vendita”.

L’ha detto Mauro Parolini, assessore lombardo al Commercio, Turismo e Terziario dopo l’approvazione, da parte della Giunta, dei criteri di attuazione del bando “Creatività e Commercio” inserito nel piano d’azione regionale 2014-2015 per la Moda e il Design. La dotazione finanziaria di 522 mila euro che saranno trasferiti a Unioncamere Lombardia in qualità di soggetto attuatore della misura, potrà essere incrementata a seguito di ulteriori risorse che dovessero rendersi disponibili da parte del Sistema Camerale lombardo e di enti locali interessati all’iniziativa. Beneficiari del bando sono le micro, piccole e medie imprese operanti nel settore degli esercizi pubblici e commerciali che rientrano nel perimetro dei Distretti Urbani del Commercio (DUC) riconosciuti dalla Regione.

Saranno previste limitazioni relative agli esercizi commerciali e turistici che detengono, a qualsiasi titolo, apparecchi per il gioco d’azzardo lecito. Contributo a fondo perduto fino ad un massimo del 75% delle spese ammissibili e fino ad un massimo di 15 mila euro. Acquisto e, o noleggio di prodotti per allestimenti; spese di adeguamento delle vetrine e, o dei luoghi in cui saranno realizzati gli spazi espositivi; spese per l’acquisto di servizi e consulenze finalizzate alla realizzazione delle vetrine e, o degli spazi espositivi; spese per la promozione, comunicazione e pubblicità dell’iniziativa e dei prodotti esposti acquisto e, o noleggio di hardware e software esclusivamente funzionale alla realizzazione del progetto.

L’assegnazione del contributo avviene sulla base di una procedura valutativa a sportello, secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande previa istruttoria formale volta a verificare il possesso dei requisiti previsti dal bando. La valutazione delle proposte progettuali ritenute formalmente ammissibili sarà validata da un Nucleo di valutazione, composto da rappresentanti di Regione e Unioncamere Lombardia, nominato con apposito provvedimento regionale.