LUMEZZANE – Mondiale Supersport, parla Zanetti: "Stagione positiva, ma le gomme…". Futuro in categoria

0

Ci sarà anche Lorenzo Zanetti, rientrato martedì scorso dal Qatar, tra i protagonisti della fiera Eicma in svolgimento a Milano in questi giorni. Sarà a disposizione degli appassionati, come tanti altri piloti, nel paddock show allestito alla stessa maniera del mondiale Superbike per dare ai tifosi e visitatori l’idea di come si vive nel mondiale. Il 26enne pilota lumezzanese ha concluso al quarto posto assoluto il mondiale Supersport, che l’ha visto ancora più protagonista rispetto allo scorso anno.

“In effetti lo scorso anno sono arrivato quinto – dice Zanetti scherzando.- Tutto sommato la stagione è stata positiva, con la mia prima vittoria in una gara di campionato del mondo, a Imola, sul circuito di casa,che vale sempre doppio. Ho avuto la testimonianza di tanti tifosi che mi erano venuti a supportare e penso di averli ricambiati nel modo migliore“. Due i momenti negativi della stagione 2014: la gara di apertura in Australia, non disputata per una caduta nelle prove e il ricovero in ospedale e la rottura del motore in Gran Bretagna, quando sul circuito di Donington occupava la seconda posizione pronto ad attaccare per la vittoria.

“Certo, in ottica del terzo posto del mondiale, segnare due zero sul taccuino non è certo un vantaggio. Purtroppo però con i se e con i ma si fa nulla, pertanto non ci voglio più pensare”. La maggiore difficoltà avuta durante la stagione è stato l’eccessivo consumo di gomme. Problema che non è mai stato risolto, penalizzando oltremodo il bresciano. “In effetti al secondo anno in Supersport e con la stessa moto e squadra, quello che mi lascia deluso è che volevo fare di più. Tutta la stagione ho però sofferto per l’usura degli pneumatici. Come è stato possibile vedere, nei primi giri di gara sono sempre stato a contatto con i migliori. Poi si presentava il limite che mi ha penalizzato tutta la stagione. Sapevamo qual’era il problema, ma non siamo mai riusciti a risolverlo. Come punta di velocità sono stato tra i più veloci, magari dovevo affinare qualcosa nella mia guida”.

Finita la stagione si guarda alla prossima. Per Zanetti sarà la terza annata nel mondiale Supersport. Il fatto che il team Honda ancora oggi non sappia se sarà presente ha costretto qualche tempo fa il bresciano a cercare una soluzione nuova. Pilota esperto, veloce ed affidabile, non è stato difficile per Zanetti prendere contatti con alcuni team. “Rimango in Supersport con un progetto importante e una moto ufficiale”. Per ragioni professionali Zanetti non si sbilancia e non fa nomi, ma il fatto che la moto sarà di una marca italiana e di una squadra ufficiale l’unico nome spendibile è quello della MV Agusta che, con il francese Jules Clouzel ha ottenuto la seconda posizione nel mondiale 2014.