MILANO – Teatro, nuova stagione di “Next”. L’assessore Cappellini: “Regione crede nel settore”

0

“‘Next’ si potenzia in questa sesta edizione, confermandosi un’importantissima vetrina del teatro lombardo, che ne esalta la vitalità e la creatività. Quest’anno la Regione Lombardia sostiene un’edizione particolare, rafforzata dal supporto di Fondazione Cariplo”. L’ha detto Cristina Cappellini, assessore regionale alle Culture, Identità e Autonomie che ha aperto, a Palazzo Pirelli, la presentazione della rassegna laboratorio che dà spazio ai prodotti teatrali dal vivo e che si svolgerà dal 10 al 13 novembre. Alla conferenza c’erano anche Gaetano Callegaro del Teatro “Litta”, Andrée Ruth Shammah del “Franco Parenti”, Fiorenzo Grassi dell'”Elfo Puccini” e Nicoletta Rizzato di Agis Lombardia.

“L’importanza di ‘Next’ – ha sottolineato l’assessore – è testimoniata anche dalla decisione del ministro dei Beni e Attività culturali Dario Franceschini di partecipare a una delle giornate. Gli potremo così mostrare la vitalità del mondo teatrale lombardo e approfondiremo alcuni aspetti della riforma del Fondo Unico per lo Spettacolo. In questa linea va letto anche il confronto con gli operatori di giovedì 13 al Teatro Dal Verme, alle 10, sui ‘Nuovi criteri per l’erogazione e modalità per la liquidazione e l’anticipazione di contributi allo spettacolo dal vivo, a valere sul Fondo Unico per lo Spettacolo’, cui prenderò parte con Lucio Argano e Anna Cremonini del Mibact, Carmelo Grassi di Agis Puglia e Basilicata e Roberta Nicolai di C.Re.S.Co.

Aumenta ancora e tocca quota 40 – ha spiegato l’assessore – il numero delle compagnie che, nella quattro giorni ospitata da Litta, Franco Parenti ed Elfo Puccini, ci faranno conoscere in diretta le nuove proposte del mondo del teatro. Lo scorso anno – ha ricordato – abbiamo sostenuto ‘Next’ con 400 mila euro, con la presenza di 350 operatori culturali, un dato in crescita rispetto al 2012. Parlando delle edizioni 2012 e 2013 ricordo che le compagnie presenti hanno realizzato, nel corso della stagione, 1.317 recite in 405 piazze, di cui 258 sul territorio lombardo e 147 in altre regioni o all’estero, vendendo 236.062 biglietti. Siamo di fronte a un settore vivace – ha aggiunto – e, sulla base dei dati dell’Annuario Siae sulla stagione 2012-13, possiamo dire che la Lombardia registra quasi un quinto degli ingressi e un quarto del volume di affari a livello nazionale. Il progetto ‘Next’, che riproponiamo in questa forma rivisitata e arricchita rispetto a quella di successo dell’anno scorso – ha rimarcato – si inserisce alla perfezione nel cammino che, come giunta di Regione Lombardia, abbiamo intrapreso per rivitalizzare il territorio e le comunità.

Si tratta di una vera e propria ‘Borsa del teatro’, che dimostra la vivacità della cultura e la capacità del territorio di reagire alla crisi economica con proposte di alto livello sul fronte teatrale”. Il quadro culturale di “Next” si arricchisce, lunedì 10, al Parenti, con la presentazione di “Ietm Spring Meeting” che si svolgerà a Bergamo dal 23 al 26 aprile 2015, e mercoledì 12 al “Litta” della nuova piattaforma della danza “Nid Platform” che si svolgerà a Brescia dall’8 all’11 ottobre 2015. “Il futuro, come sappiamo, non è roseo dal punto di vista delle risorse finanziarie per il settore – ha continuato l’assessore – visti i tagli che hanno colpito pesantemente la Regione, imposti dalla Legge di Stabilità presentata dal Governo, che ha sottratto quasi un miliardo di euro alle casse della Regione”.

L’assessore ha aggiunto che sono in corso trattative serrate tra le Regioni e il Governo e che, se passasse la linea delle prime che chiedono l’introduzione dei costi standard e l’eliminazione dei tagli lineari, ci un sarebbe un importante passo avanti. L’assessore, a margine dell’incontro, ha inoltre ricordato che, proprio insieme a Fondazione Cariplo e a Unioncamere, ha di recente presentato il bando “InnovaCultura” a testimonianza dell’impegno a garantire sostegno e futuro, da parte della Regione, al mondo della cultura e, nello specifico, del teatro. La Regione – ha concluso – farà il possibile comunque, pur tra le grandi difficoltà legate ai tagli del Governo alle Regioni, per sostenere il modello di teatro lombardo come espressione della creatività dei territori, con uno sguardo particolare alle giovani compagnie”.