CHIARI – Rifiuti, centro destra contro il “porta a porta” raccoglie firme con il comitato

0

Il comitato dei cittadini di Chiari “Differenziamoci dal porta a porta”, con il sostegno della Lega Nord, Forza Italia, Nuovo Centrodestra e lista Civica Gozzini ha diffuso in paese alcuni volantini contro la raccolta differenziata porta a porta lanciata dall’amministrazione Vizzardi. Il comitato e i partiti avvieranno anche una raccolta firme per un referendum in cui chiederanno ai clarensi cosa ne pensano del sistema di raccolta dei rifiuti.

“Esistono valide soluzioni alternative per aumentare il differenziamento dei rifiuti con sistemi diversi e meglio organizzati – si legge nel volantino.- Chiediamo a tutti i cittadini di sottoscrivere la nostra petizione per fermare la raccolta differenziata porta a porta a Chiari”. “Diciamo no perché è una soluzione poco igienica e pratica – continua – favorisce l’aumento dell’abbandono dei rifiuti con danno per l’ambiente, è faticosa per i cittadini con effetti sgradevoli da accumulo dei rifiuti nelle abitazioni poco spaziose o senza cortile, è imposta senza confronto diretto con le esigenze dei cittadini”.

Poi ancora “comporta spese ulteriori di servizio per il personale adibito al ritiro dei contenitori, limita la libertà personale dei cittadini vincolati a rispettare orari e giorni di conferimento delle diverse tipologie dei rifiuti secondo un calendario prestabilito e non flessibile per un servizio pubblico, trasforma le strade di Chiari in discariche a cielo aperto con la presenza incustodita di troppi bidoni e perché non è chiaro il piano finanziario a carico dei cittadini”. Per aderire alla petizione il comitato mette a disposizione una mail.