SONDRIO – Artigiani Anziani e Pensionati della provincia in assemblea. Ecco il nuovo consiglio

0

Si è svolta ieri, domenica 19 ottobre, l’assemblea provinciale del Gruppo ANAP (Artigiani Anziani e Pensionati) di Sondrio. L’annuale assemblea del sodalizio che conta più di un migliaio di aderenti in provincia si è riunita per un bilancio delle attività svolte e per l’elezione del nuovo consiglio che guiderà il gruppo per il quadriennio 2014/18. Un “piccolo esercito” di ex artigiani che nel corso della propria vita lavorativa hanno fatto la storia dell’artigianato provinciale e in molti casi anche la storia dell’associazione. Anche dai lavori dell’assemblea di ieri, coordinati dal presidente uscente del gruppo Letizia Bongini, è emerso con forza che gli anziani pensionati continuano a svolgere un ruolo centrale e fondamentale nella società e nelle famiglie.

Non senza un pizzico di emozione Bongini (8 anni alla guida del gruppo) ha ringraziato i colleghi del consiglio uscente per gli anni di intenso lavoro e ha ripercorso le tappe significative del gruppo negli ultimi anni. Accanto ai problemi del vivere quotidiano sono emerse dal confronto fra i numerosi partecipanti alcune stimolanti considerazioni sul futuro dello Stato sociale in un periodo contrassegnato dalla riduzione della spesa pubblica e dalla necessità di trovare nuove forme di cooperazione personale, sociale e intergenerazionale. Ai lavori dell’assemblea hanno partecipato il presidente della Confartigianato di Sondrio Gionni Gritti, il vicepresidente Stefano Coldagelli, il segretario provinciale Alberto Pasina, il presidente regionale dell’ANAP Giovanni Mazzoleni e il coordinatore nazionale di Confartigianato Persone Sandro Corti. Corti, reduce dal recente “Festival della persona” organizzato a livello nazionale proprio da Confartigianato Persone, ha trasmesso ai presenti le riflessioni emerse durante la manifestazione nazionale.

Corti ha posto l’accento sulla “solitudine” di un numero crescente di anziani e sulla necessità di rimettere al centro la “persona” con i suoi bisogni e da qui di ripensare molti aspetti della vita delle “comunità”. Gritti ha sottolineato il contributo ancor oggi centrale dei tanti artigiani oggi in pensione e sul ruolo all’interno delle famiglie. Gritti h posto l’accento sui rapporti intergenerazionali sia dentro le aziende sia nella società. Gritti ha ribadito che in seno all’associazione, sempre più preoccupata per le sorti delle imprese artigiane attive, tutte le anime interne hanno sempre un ruolo centrale e che il gruppo Anap ha ancora molto da dire.

Dai diversi interventi del pubblico sono emerse diverse indicazioni sul contributo che gli anziani pensionati possono fornire all’interno delle scuole anche alla luce della riscoperta fra i giovani dei mestieri artigiani. Nel corso dell’assemblea ci si è soffermati anche sul valore della famiglia e sulle tante discussioni che oggigiorno attraversano questa fondamentale cellula del tessuto sociale. “Porre la questione degli anziani – hanno sottolineato sia Gritti sia Bongini – non significa parlare semplicemente delle ‘Case di riposo’ o delle ‘badanti’, ma vuol dire ridefinire il sistema del welfare che sarà possibile solo con nuove forme di cooperazione interpersonale che vanno dall’abitare alla mobilità”. Nei prossimi giorni il neo consiglio formato da Mario Valetti, Dario Vanotti, Franco Nana, Letizia Bongini, Elia Tarabini, Vasco Cianfrone ed Elio Spezia si riunirà per eleggere il nuovo presidente.