BASSA BRESCIANA – 150 mila euro di furti nelle autostrade, nel bresciano il covo della banda dei camion

0

Ancora un furto, di nuovo nella bassa bresciana e anche stavolta ai danni di un camion. Poche settimane fa un cittadino di Chiari era stato fermato dalla Procura di Monza nell’ambito dell’operazione “Scania”. Faceva parte di una banda che bloccava i mezzi pesanti sull’autostrada tra Bergamo e Lodi, minacciava gli autisti fino al casello e li derubavano di tonni e altra merce che trasportavano.

Il nuovo fatto è successo contro un camionista polacco a Bologna, sull’autostrada A1, che si è visto rubare gli pneumatici. E gli agenti della Polizia stradale di Verona Sud hanno voluto vederci chiaro, fino ad arrivare alla zona industriale della Fascia d’Oro tra Castenedolo e Montichiari dove è stata fermata la banda.

Il blitz in un capannone ha portato all’arresto di nove persone. Otto di loro sono pregiudicati della provincia di Bari, l’altro è un tunisino. Il bottino messo a segno in tre mesi di furti ai danni dei camion in sosta nelle autostrade A4 e A1 tra Brescia e Padova e tra Bologna e Modena è di 150 mila euro. L’operazione è stata condotta dalla Polizia giudiziaria e Polstrada di Bologna con quelle di Verona, Padova e Venezia da settembre.

Nella base della bassa bresciana sono stati recuperati i materiali rubati, dagli pneumatici all’abbigliamento, poi restituiti ai proprietari. Sono stati anche posti sotto sequestro sei veicoli usati per i furti. Si stanno cercando altri complici mentre i nove arrestati sono stati condotti in carcere.