MANERBIO e GHEDI – Senza benzina e soldi, nella bassa torna la truffa dei gioielli “patacca”

0

E’ tornata nei giorni scorsi nella bassa bresciana la truffa dei “rimasti a secco”. La vicenda è sempre la stessa: auto senza benzina nel serbatoio e senza soldi nel portafoglio. L’automobilista e il complice si avvicinano agli ignari all’oscuro della truffa e propongono loro dei gioielli “patacca” in cambio di pochi soldi per poter fare benzina.

A Gussago e Rezzato qualcuno c’è cascato dando anche fino a 50 euro in cambio di finti gioielli d’oro o oggetti considerati monili introvabili. E la truffa, anche se questa volta non è andata dopo gli ultimi episodi, si è riproposta nella bassa bresciana. Due persone su un’auto di lusso con targa bulgara sono i protagonisti delle azioni ignare a molti.

Tre sono state fermate sabato dai carabinieri di Verolanuova alla Breda Libera dopo che le vittime, seppur senza prove per confermarlo, avevano dato una descrizione fisica dei truffatori. Proprio venerdì si era ripetuto l’ultimo episodio a una stazione di servizio a Ghedi ma senza andare a segno. Poi un altro episodio a Manerbio, anche stavolta non era riuscito a far cascare l’ignaro truffato.