VALCAMONICA – Il Presidente della Regione Lombardia Maroni in visita in Valcamonica

0

“La giornata di oggi, interamente dedicata alla Valle Camonica, è stata davvero molto utile. Ho incontrato i sindaci, visitato aziende e parlato con gli imprenditori. Ho ascoltato molte richieste e ho ricevuto idee e proposte. Nell’ambito delle nostre possibilità e delle competenze della Regione, cercheremo di risolvere i problemi e
accogliere i suggerimenti che ci sono stati offerti”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni al termine della sua giornata in Valle Camonica.
“Giornate come oggi – ha aggiunto il governatore – per me sono davvero molto importanti. Non tanto per venire a relazionare su quanto stiamo facendo in Regione, quanto per ascoltare le sollecitazioni che ci arrivano dal territorio. Oggi abbiamo ricevuto davvero molti spunti interessanti, sui quali già da domani inizierò a ragionare insieme ai miei assessori”.
Il presidente ha inoltre visitato il parco archeologico e le incisioni “patrimonio
umanità che vogliamo valorizzare e far conoscere”, e ha dichiarato: “Queste incisioni rappresentano la nostra
storia ultra millenaria, sono le nostre radici. È davvero un’emozione vederle e pensare che sono giunte fino a noi da quel passato lontanissimo.
Sono una ricchezza, bisogna valorizzare al meglio queste bellezze uniche al mondo”.
Il governatore ha garantito “l’impegno della Regione per la valorizzazione del parco archeologico, per renderlo ancora più conosciuto e frequentato”. “Questo posto – ha aggiunto – non è
importante solo per i Lombardi, ma per tutta l’umanità. Qui è nata una civiltà, che, per antichità, è paragonabile a quella greca. Conosciamo bene la civiltà ellenica, perché la studiamo sui libri di scuola, mentre questa è
troppo poco conosciuta. Anche sui testi scolastici, non solo da noi, questo capitolo di storia, meriterebbe di essere maggiormente preso in considerazione”.
In occasione dell’Expo 2015 ha inoltre aggiunto:”Come Regione  stiamo lavorando molto
per valorizzare i luoghi della nostra Lombardia, per farli conoscere ai tanti visitatori che l’anno prossimo ci raggiungeranno per Expo. È una grandissima occasione, dobbiamo fare il massimo per sfruttarla e non solo
per i sei mesi dell’Esposizione universale. Io ho l’ambizione di far innamorare queste persone dei nostri territori, per fare in modo che tornino anche negli anni successivi. Questa è la grande sfida”.
Durante l’incontro si è discusso  anche dell’importanza della viabilità e di realizzare un collegamento ferroviario.
“Dall’incontro con i sindaci della Valle Camonica sono emerse sollecitazioni anche sui temi di mia competenza, che
condivido. Mi riferisco in particolare alla necessità di rafforzare il servizio ferroviario verso più
direttrici: quella che collega più direttamente la Valle Camonica con Milano, senza passare da Brescia, (garantendo a Rovato il collegamento tra la linea Brescia- Iseo- Edolo e la linea Brescia – Treviglio – Milano) e
quella che collega con la Valtellina attraverso il traforo del Mortirolo”.
Così ha detto l’assessore alle Infrastrutture e Mobilità di Regione Lombardia Alberto Cavalli al termine dell’incontro con gli amministratori locali della Valle Camonica, voluto dal presidente Roberto Maroni, per
raccogliere le istanze del territorio.
“È di estrema importanza – ha sottolineato Cavalli – rafforzare un percorso ferroviario  che permetta di realizzare una ‘circolare’ in Lombardia , chiudendo l’anello che oggi separa la Valtellina e la Valle Camonica e aprendo questa via di comunicazione anche verso il Canton Grigioni e verso Trento”. “Sono prospettive di lavoro – ha concluso
l’assessore – nelle quali gli amministratori della Valle vedono un’occasione di crescita e sulle quali, credo, si debba orientare anche Regione Lombardia”.