MILANO – Software gratuito per la valutazione dei rischi nelle piccole imprese

0

L’ULSS n. 4 Alto Vicentino ha creato e reso disponibile un software gratuito per la stesura del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) conforme alla normativa sulle procedure standardizzate.

 

Si ricorda che il Decreto Interministeriale del 30 Novembre 2012 ha introdotto le procedure standardizzate della valutazione dei rischi che possono essere utilizzate dalle imprese che occupano fino a 10 lavoratori per redigere il loro Documento di Valutazione dei Rischi (DVR).

Le procedure standardizzate sono modelli di riferimento per effettuare la valutazione dei rischi nei luoghi di lavoro, al fine di individuare le misure di prevenzione e protezione più opportune ed elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza.

I Principali punti trattati in una Procedura Standardizzata di valutazione del rischio sono:

  • Descrizione generale dell’azienda
  • Descrizione delle lavorazioni aziendali
  • Individuazione dei pericoli presenti in azienda
  • Identificazione delle mansioni ricoperte dalle persone esposte e degli ambienti di lavoro interessati in relazione ai pericoli individuati
  • Effettuazione della valutazione dei rischi per tutti i pericoli individuati
  • Individuazione ed indicazione delle adeguate misure di prevenzione e protezione

Lo scopo del software è proprio quello di agevolare i datori di lavoro delle imprese di piccole dimensioni e semplificare gli adempimenti per loro previsti.

Come si può leggere sul “manuale d’uso”, scaricabile insieme al software, in base al tipo di attività svolta il datore di lavoro è indirizzato nell’individuazione dei pericoli e dei rischi presenti nella propria attività e aiutato nel definire le misure di prevenzione da attuare.

Ad esempio nella sezione “Processi aziendali” si inseriscono le fonti di pericolo, correlate ai reparti/ambienti di lavoro, suddivise in 2 gruppi, in base ai codici ATECO dell’azienda impostati nella prima Sezione (Anagrafica dell’Azienda). Nel software compaiono, quindi, le fonti di pericolo ritenute più probabili per il settore ATECO dell’azienda e cliccando su “verifica” si accede ad un’altra finestra, contenente tutte le altre fonti di pericolo, meno probabili, ma comunque possibili.

Si ricorda che l’utilizzo di Procedure Standardizzate per la valutazione dei rischi aziendali è ammessa, per legge, solo per realtà fino ad un massimo di 10 lavoratori. Oltre tale soglia è obbligatoria la stesura del DVR secondo quanto previsto dal D.Lgs. 81/08.