VALTROMPIA – Ottelli (Com. Montana): “A ottobre il progetto sul depuratore”

0

Depuratore di valle a Concesio e il collettore fognario tra Sarezzo e Lumezzane sono le priorità più attuali per la Valtrompia e la Comunità montana che raccoglie lo stato d’animo e politico dei sindaci, da Concesio a Collio. Questi, almeno secondo il presidente dell’ente sovracomunale Massimo Ottelli, interpellato da Bresciaoggi, sono i punti fondamentali e le infrastrutture ambientali che i 100 mila cittadini aspettano da anni.

Il presidente della Comunità montana Massimo Ottelli
Il presidente della Comunità montana Massimo Ottelli

Ottelli è a capo della Comunità montana, dove domina il centro sinistra, solo da luglio ma ha davanti a sé molte sfide da affrontare. E nell’analisi del presidente rientra anche la Provincia di Brescia che il 12 ottobre sarà coinvolta dalle elezioni per rinnovare l’ente che non sarà più quello di prima. Non saranno più i cittadini a votare per Palazzo Broletto, ma i sindaci e consiglieri comunali e in questo ruolo la Valtrompia potrebbe avere una forte rappresentanza.

“Nei momenti difficili come questo bisogna stare uniti per costruire il futuro – dice Ottelli, che è anche responsabile degli enti locali per il Pd – l’ho fatto anche quando ero in minoranza in Comunità montana e vorrei confrontarmi con l’attuale opposizione”. Anche il panorama politico in valle è cambiato, con dodici comuni su diciotto che sono legati al centro sinista e che “regalano” la stabilità al presidente Ottelli dopo le critiche rivolte all’ex presidente Bruno Bettinsoli per i nuovi orientamenti in Comunità montana cambiati dopo le elezioni comunali a Bovegno e Nave dove il centro sinistra ha avuto la meglio.

Sviluppare il tessuto sociale e l’economia della Valtrompia, questo è l’obiettivo dei prossimi cinque anni per Ottelli. A partire dal riconoscere la Comunità montana come sintesi e mediatore ideale tra i Comuni con cui gestire servizi e funzioni condivise. E proprio da questa intesa è nata l’idea del depuratore a Concesio di cui il progetto preliminare, come ha annunciato il presidente ed ex sindaco di Sarezzo, sarà presentato in ottobre. Poi il collettore tra Sarezzo e Lumezzane e un piano di sviluppo che metta insieme la Valtrompia e altri enti montani.