MORBEGNO (SO) – Sulla ciclabile con Alex e Terry per scoprire la Via dei Terrazzamenti

0

Sarà a Morbegno il primo di tre eventi itineranti promosso dal Distretto Culturale della Valtellina per l’iniziativa “Alex e Terry: una guida per scoprire la Via dei Terrazzamenti”. L’appuntamento è per sabato 27 settembre alle ore 15, al complesso di Sant’Antonio, nel centro del paese. I bambini dell’asilo e della scuola elementare conosceranno il piccolo Alex e il gatto Terry. I due personaggi sono stati creati dal Distretto culturale per accompagnare i bambini, insieme a genitori, nonni e zii, alla scoperta della Via dei Terrazzamenti, il percorso ciclopedonale sulla mezza costa retica, da Morbegno a Tirano, fra natura, testimonianze storiche, eccellenze enogastronomiche, usi e tradizioni.

Via dei Terrazzamenti
Via dei Terrazzamenti

Gli incontri itineranti alternano gioco e scoperta con i cinque sensi, propongono racconti e attività per i bambini per un progetto didattico che intende sensibilizzare i più piccoli e le loro famiglie sulla conoscenza di un territorio dalle risorse culturali ancora da valorizzare e ripercorrere le tracce del passato come trampolino di lancio per la costruzione del futuro. Tutto questo, puntando sul divertimento tra sentire, toccare, annusare e gustare ciò che caratterizza il territorio in compagnia di un bambino valtellinese vivace e curioso, Alex, e del suo gattino rosso, simpatico e birichino, Terry.

Il programma del pomeriggio per i bambini, insieme alle loro famiglie, prevede la narrazione del primo racconto di Alex e Terry: i due personaggi si conoscono e inizia la loro amicizia. Ma subito vivono un’avventura un po’ paurosa, anche se finirà bene. Alex e Terry scoprono la coltura e cultura della vite e dei terrazzamenti e, insieme ai bambini presenti, diventano piccoli agricoltori. A tutti i piccoli partecipanti sarà offerta anche una merenda a base di latte di diversi tipi, yogurt, mais a fiocchi, marmellate di frutta e gallette di mais senza glutine. Si tratta di una proposta innovativa che il Distretto Culturale ha lanciato per coinvolgere i bambini e, insieme, le loro famiglie. Un modo diverso di vivere il territorio cogliendone gli aspetti più nascosti, un invito a non soffermarsi su ciò che semplicemente si vede, ma arrivare a sentire, toccare, annusare e gustare.