BRESCIA – Estorsione e usura agli imprenditori edili, 14 arresti e 5 mln sequestrati (video)

0

All’alba di stamattina i carabinieri e la Guardia di Finanza di Brescia, dopo un’attività investigativa coordinata dalla Procura locale, hanno arrestato 14 persone, per la maggior parte calabresi, di cui otto finiti in carcere e sei ai domiciliari, oltre a perquisizioni e sequestri per associazione a delinquere finalizzata alla truffa, usura, estorsione, ricettazione, riciclaggio, reimpiego di denaro di provenienza illecita, trasferimento fraudolento di valori, detenzione, porto e uso di armi clandestine.

GdF e CcL’operazione ha smantellato il sodalizio criminale, sequestrando in Italia e all’estero denaro, società, beni mobili e immobili e auto per oltre cinque milioni di euro che avrebbero dovuto compensare il danno erariale cagionato. Le indagini, condotte dai finanzieri del Gruppo di investigazione sulla criminalità organizzata del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza e dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Brescia e coordinate dalla Procura hanno permesso di ricostruire l’attività del sodalizio criminale.

Composto da italiani residenti in provincia e vicini ad ambienti mafiosi, il clan gestiva aziende edili e consentito agli amministratori di accumulare ingenti disponibilità finanziarie. Tra le accuse, anche l’usura e l’estorsione ai danni di imprenditori lombardi operanti nel settore edile e la disponibilità degli indagati di numerose armi da fuoco usate per la riscossione violenta dei crediti maturati, anche intimando con colpi di arma da fuoco su uffici ed esercizi pubblici. I particolari dell’operazione saranno dati in una conferenza stampa convocata nella Procura della Repubblica di Brescia.

L’OPERAZIONE DEI CARABINIERI E GUARDIA DI FINANZA