VILLA CARCINA – Tanti odg in consiglio comunale, dai rifiuti alle nomine e bilancio

0

E’ stato convocato per mercoledì 24 settembre alle ore 18, nella sala consiliare di via Manzoni, una seduta del consiglio comunale di Villa Carcina. L’assemblea sarà chiamata a discutere di numerosi ordini del giorno. Una mozione per la rete bibliotecaria bresciana,
un’altra presentata dal Progetto Democratico sulle misure per vietare il conferimento dei rifiuti da parte di cittadini non residenti e chiedere l’aumento della frequenza degli svuotamenti dei contenitori dei rifiuti all’Asvt.

Nuovo municipio Villa CarcinaUn’interrogazione presentata dallo stesso gruppo per i chiarimenti sul procedimento amministrativo di affidamento del servizio di gestione integrata dei rifiuti solidi e urbani e per chiedere informazioni sull’entità del rimborso del canone di depurazione dell’acqua per le utenze comunali non dovuto all’ente gestore del servizio idrico. Poi un’interpellanza dello stesso movimento per chiedere chiarimenti sull’affidamento del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati, una mozione di Civicamente Uniti per Villa Carcina sulle commissioni comunali e la modifica al regolamento del consiglio comunale per consentire la composizione aperte anche ai cittadini.

Una variazione al bilancio di previsione 2014 e al bilancio pluriennale 2014-16 al piano degli investimenti 2014-2015-2016 alla relazione previsionale e programmatica 2014-2016, ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi e verifica del permanere degli equilibri per l’esercizio finanziario 2014 e l’adozione del piano regolatore dell’illuminazione comunale. Poi l’approvazione della convenzione tra i comuni di Villa Carcina, Pezzaze e Casto per le funzioni di segreteria condivise e varie nomine.

Quella dei componenti della commissione consiliare permanente sui Servizi al territorio (piano di governo del territorio, opere pubbliche, agricoltura, ecologia e vigilanza), per i Servizi alla persona (sociale, culturali, scolastici, sportivi e del tempo libero, associazionismo e volontariato,anagrafici e dell’informazione), per le attività economiche (bilancio, patrimonio, commercio, artigianato e industria), degli Affari generali e Istituzionali (statuto, regolamenti, personale e servizi informatici) e per la formazione degli elenchi dei giudici popolari.