BRESCIA – L’arte in cenere di Sophie Ko Chkheidze alla galleria AplusB

0

Sarà inaugurata sabato 27 settembre alle ore 18, nella sede di “A+B Contemporary Art” in via Gabriele Rosa 22 a Brescia, una mostra personale di Sophie Ko Chkheidze aperta fino al 25 ottobre dal giovedì al sabato dalle 15 alle 19. E’ la prima mostra personale dell’artista progettata appositamente per il proprio spazio. Per l’occasione è edito il volume a tiratura limitata “Finis initium” con uno scritto di Federico Ferrari e l’intervento dell’artista su ognuna delle copie.

Una delle opere che sarà esposta a Brescia
Una delle opere che sarà esposta a Brescia

Le opere, fatte di cenere e pigmento puro, sono forme primigenie, fratture, crolli, slittamenti che esprimono il rapporto con le immagini, le cose e con sé stessi. Come scrive Federico Ferrari, i quadri di Sophie Ko Chkheidze sono “pannelli di cenere, in cui riaffiorano, quasi disperse, quasi apparizione miracolosa di qualcosa di impensabile e imprevisto, macchie di colore puro, pigmento la cui forza luminosa squarcia la tenebra successiva allo spegnersi dell’estasi data dalla fiammata”. L’artista 33enne, nata a Tbilisi in Georgia, vive e lavora a Milano.

Tra le mostre personali si ricordano nel 2013 “Nel cielo dove qualcosa luccica” a cura di Francesco Correggia al Museo Ettore Archinti di Lodi, nel 2012 “Geografia Temporale” alla Galleria Nowhere a Milano, nel 2011 “Ad altezza d’occhio” a cura di Maurizio Guerri al NuovoCIB Galleria Formentini di Milano. Ha partecipato anche a diverse collettive.

Nel 2013 “Castello 40. A case study” a cura di Fortunato D’Amico a Venicedocks a Venezia, nel 2012 “Canvases”, promoted by Accademia di Brera al Nuovo CIB Galleria Formentini di Milano, nel 2009 “Fairy Tales” alla Galleria Antonio Battaglia di Milano e poi ancora “Nuovo Riciclato” a cura di Marina Bignami e Ylbert Durishti allo Spazio Taccori sempre a Milano, “La nuova manualità nell’era digitale” su progetto dell’Accademia di Belle Arti di Brera nell’ex chiesa di San Carpoforo a Milano. All’estero, nel 2008 “Schlaglichter” a cura di Paola Alborghetti all’Ateliergemeinschaft Geh8 di Dresda in Germania e “Maestros Y Discipulos” su progetto dell’Accademia di Belle Arti di Brera al Museo Municipal De Bellas Artes G. Perez di Cordoba.