SONDRIO – Sul treno tra eccellenze artigiane e gustose di Valtellina e Valposchiavo

0

Lunedì 29 settembre partirà lo slow train Valtellina e Valposchiavo expo. L’evento, curato dalla Società di Sviluppo Locale, vanta la presenza e collaborazione della categoria Artigianato Artistico della Confartigianato di Sondrio come partner dell’iniziativa. “Lo slow train – dice Mario Sulis, presidente di categoria – è un’iniziativa promozionale che trasporterà circa 40 giornalisti di altrettante testate nazionali, internazionali e locali alla scoperta del territorio, delle eccellenze artigiane e dell’arte culinaria. Sono moltissimi i soggetti coinvolti e coordinati dalla Società di Sviluppo con un lavoro certosino durato mesi. Ormai tutto è pronto per partire e anche il nostro territorio avrà il suo padiglione
itinerante.

Ospiti sullo slow train - Foto tratta da Facebook
Ospiti sullo slow train – Foto tratta da Facebook

L’artigianato artistico ha un ruolo di primissimo piano. Abbiamo, infatti, collaborato a stretto contatto con gli chef stellati per
realizzare sei mise en place inedite reinterpretando i materiali della tradizione. Ne sono nati oggetti capaci di stupire per il loro design al contempo semplice e ricercato. I maestri artigiani hanno realizzato le loro opere utilizzando pietra ollare, legni pregiati, pezzotti, rame, ceramica, vetro e seta. La categoria ha creduto in questa iniziativa sin dal 4 febbraio scorso, giorno in cui ci è stata chiesta la nostra collaborazione. Da allora ci siamo impegnati senza lasciarci distrarre dalle notizie non sempre positive che comparivano sui giornali riguardo all’Expo.

Si tratta, fondamentalmente di un primo viaggio che farà conoscere il territorio valtellinese, valchiavennasco e valposchiavino a media di alto livello. Dobbiamo sforzarci di uscire dal territorio dove lavoriamo e farci conoscere da turisti, viaggiatori, pellegrini di altri paesi che possono apprezzare i nostri lavori. La maggior parte delle imprese artigiane ambisce a farsi conoscere all’estero – continua Sulis – ma non ha
tempo e risorse umane necessarie per occuparsi di internazionalizzazione. La speranza è farsi conoscere fuori dai confini ristretti. Salire sul treno da protagonisti è importante. Fondamentale però è cogliere la palla al balzo e comunicare efficacemente la nostra presenza. Per questo abbiamo aperto la pagina Facebook.

In pochi giorni già 5mila persone hanno visualizzato la pagina e molti hanno lasciato commenti sui
vari post. Sulla pagina verranno pubblicate anche le prossime iniziative – conclude il presidente – a partire dalla festa dell’alpeggio del 20 e 21 settembre a Chiareggio. In quel contesto ripresenteremo l’esposizione itinerante “La Fasciera – Forme e colori”. Poi c’è la nostra presenza alla due giorni del treno Valtellina e Valposchiavo expo. A seguire il Sondrio festival e la Mostra del Bitto. Tra gli artigiani ad esporre allo slow train ci saranno Alberto Gaggi, Amos Fanoni, Barbara Trestini Trimarchi, Bruno Giorgio Martinelli, Davide Ruffoni, Felice Pedrotti, Floriana Palmieri, Giovanni Pirondini, Givrem, Mario Sulis, Pierbattista De Piazza e Vincenzo Tonelli.