INCUDINE – Autopsia sul labrador morto: nessuno sparo. Forse investito

0

Susy, il labrador trovato morto nei giorni scorsi lungo il sentiero che conduce al santuario di Sant’Anna, non è stata uccisa a fucilate, come inizialmente sembrava: a confermarlo è l’autopsia effettuata dall’Istituto zooprofilattico sul corpo dell’animale, dalla quale è emersa l’assenza di segni di arma da fuoco. Semprerebbe più plausibile, secondo gli esperti, che Susy sia morta dopo essere stata investita da un’automobile o addirittura per cause naturali.

352984_789267_Labrador_r_13769095_display-500x375Numerose e aspre le polemiche che si erano già scatenate sul caso, ricollegato alla tragica storia di Moro. Fortunatamente, però, in questo caso il cane non è morto per mano umana. Il Giornade di Brescia riporta poi le parole del sindaco di Incudine Bruno Serini: “Non ci sono tracce di proiettili. Quando la proprietaria s’è presentata in Comune le avevo dato tutta la mia solidarietà, visto che anch’io sono un amante dei cani e capivo la sua sofferenza. È stato un po’ azzardato colpevolizzare un paese d’aver compiuto un gesto tanto barbaro: ci sono diversi cittadini risentiti. Prima di fare allarmismi e lanciare accuse, le cose andrebbero verificate”.