BRENO – Dallo Sciamano allo Showman: è la volta di “Piccole Shomanerie”

0

Mercoledì 10 settembre, con la partecipazione di circa 400 ragazzi di Ospitaletto, al Castello di Breno si concluderà il ciclo di appuntamenti che Dallo Sciamano allo Showman con le “Piccole Shomanerie” ha dedicato per tutta l’estate a gruppi di Grest provenienti dalla provincia di Brescia. L’iniziativa fa parte di “Un mondo incatenato”, un progetto più ampio che è stato possibile inserire nel festival grazie a un contributo di Fondazione della Comunità Bresciana, da sempre attenta all’attività del Centro Culturale Teatro Camuno.

fotobambinicastelloTutto è partito nel 2013 dalla favola “Un mondo di pezza”, scritta e letta da Nini Giacomelli su richiesta della redazione del TG di Rai2 e andata in onda il 15 dicembre con un video girato proprio al Castello di Breno da una troupe RAI. In seguito è nato un progetto articolato in due fasi.

La prima ha visto, appunto, la partecipazione di alcuni gruppi Grest della Valle Camonica e della provincia di Brescia, che al Castello di Breno hanno coinvolto i ragazzi in animazioni teatrali a tema curate da Bibi Bertelli e dal suo staff. Le letture animate si sono tenute negli angoli più disparati della rocca brenese perché, insieme al percorso animativo teatrale, il progetto prevedeva l’allestimento di un’esposizione insolita di libri, dedicati al territorio e ai piccoli, che, per l’occasione, sono stati letteralmente incatenati.

In un periodo di crisi globale in cui la cultura sta soffrendo molto la mostra dei libri incatenati induce il pubblico adulto a riflettere sul ruolo dei libri nella nostra società, e ai piccoli dà l’idea che se un libro è incatenato non è libero. La catena indica unione, insieme di elementi, restituisce al libro la sua natura di oggetto prezioso trasformandolo in elemento di attrazione per i passanti. L’idea che il libro – qualcosa di estremamente prezioso – possa essere incatenato e reso disponibile alla lettura è una pratica che risale al XV secolo. Troviamo libri incatenati a un anello e un’altrettanto robusta catena: alla Biblioteca Vaticana, almeno a partire dal papato di Papa Sisto IV (1471-1484); alla corte di Lorenzo il Magnifico; nella chiesa di Saint-Georges de Sélestat in Francia; ancora oggi i più preziosi codici della Biblioteca Bodleiana di Oxford sono muniti di catena. Per contro incatenare qualcosa o qualcuno è indice di costrizione: la catena evidenzia la cultura come “non libera” nelle sue reali potenzialità ed anche capacità di produrre reddito.

La seconda sezione, a partire da metà ottobre, vedrà coinvolte tutte le Scuole Primarie della Valle Camonica alle quali verrà distribuito gratuitamente un DVD con il libretto della favola “Un mondo di pezza” andata in onda su Rai2. Le Scuole che hanno aderito al progetto (Bienno, Pescarzo, Berzo Inferiore, Edolo, Breno, Cerveno, Darfo 1 e Sellero) fruiranno inoltre di incontri animati con l’autrice Nini Giacomelli. Il kit sarà distribuito anche alle Biblioteche della Valle Camonica e sarà messo a disposizione di Istituti, Biblioteche e docenti da fuori Valle, in questo caso con le sole spese di spedizione a carico dei richiedenti. Al progetto ha contribuito anche Provincia di Brescia Istruzione con il patrocinio di Sistema Bibliotecario di Valle Camonica, Comunità Montana di Valle Camonica e Comune di Breno.

Le Piccole Shomanerie anticipano il ritorno del festival Dallo Sciamano allo Showman, che nel mese di settembre prevede tre nuove date assolutamente imperdibili: l’omaggio a Gaber e Jannacci della rock band dei Traffika (il 19 settembre a Sellero) e l’arrivo del giovane e talentuoso Zibba che presenterà il suo libro “Me l’ha detto Frank Zappa” e scalderà il pubblico di Malegno con la formazione degli Almalibre (il 20 settembre); infine ricordiamo che il 27 settembre a Darfo Boario Terme ci sarà un piccolo appuntamento con la storia: il cantautore Mauro Pagani riproporrà per intero il capolavoro Creuza de Mä, scritto a quattro mani con Fabrizio De André esattamente trent’anni fa.