BRENO – Rimborso tariffa di depurazione? Farisoglio: “Non si deve dare”

0

“Desidero fare chiarezza sul tema della restituzione ai cittadini della quota di depurazione pagata negli anni 2003-2008 non dovuta in base alla sentenza della Corte costituzionale 335 del 2008.

Per quanto riguarda i cittadini di Breno, il rimborso non è dovuto dal momento che tutti i fondi accantonati nel periodo di riferimento sono stati impiegati negli anni per la progettazione e la realizzazione di opere che riguardano la depurazione. Dal 2003 al 2008 il Municipio ha incassato mediamente 150 mila euro l’anno, in totale quindi circa 750 mila euro, interamente usati per depurare la cittadina, che oggi risulta coperta dal servizio di depurazione al 90 per cento: mancano soltanto alcune zone del paese, che sono già in fase di progettazione o appalto dei lavori e si conta di realizzare le opere nel 2015.

monete-in-acquaUna buona parte dei fondi accantonati è stata impiegata ai tempi in cui venne realizzato il grande collettore della media Valle, quando il Comune realizzò oltre 250 mila euro di opere solo per agganciarsi al collettore stesso. In queste settimane diversi cittadini hanno chiesto in Municipio informazioni o la restituzione della quota, per questo ho incaricato gli uffici di effettuare la verifica accurata e la risposta è stata che si tratta di un rimborso non dovuto, dal momento
che – come detto – tutti i fondi accantonati sono stati spesi per opere di depurazione.

Ho comunque intenzione di chiedere un parere anche all’Autorità d’ambito di Brescia, per essere ancora più sicuro della decisione. Tengo poi a precisare che, se ci fossero stati cittadini che avevano diritto alla restituzione, questa sarebbe avvenuta indipendentemente dall’aver presentato la richiesta, ovvero anche in difetto di informazione, perché se si tratta di un diritto è tale per tutti, anche per chi non era a conoscenza della cosa.

Breno è uno dei Comuni più depurato in Vallecamonica: ha una rete di depurazione maggiormente estesa ed efficiente, al punto che sono raggiunte anche frazioni lontane coma Astrio, che a 800 metri di quota e con soli 300 abitanti possiede un suo depuratore.

Mi spiace che, come al solito, qualcuno provi a strumentalizzare fatti che sono invece limpidi e definiti”.

Sandro Farisoglio