CORTENO GOLGI – Furto in abitazione, due albanesi in manette. Colti in flagranza

0

Nella mattinata del 1° settembre, i Carabinieri di Milano, hanno tratto in arresto L.O., 26 enne, e L.A., 18 enne di nazionalità albanese in Italia e senza fissa dimora, nullafacenti e pluripregiudicati colti mentre stavano consumando un furto in quel centro, all’interno di un appartamento di proprietà di una coppia che al momento si trovava in vacanza nella frazione di San Pietro di Corteno Golgi.

Foto sopralluogo Carabinieri Edolo (2)Infatti, nelle ore notturne precedenti, i due ladri si erano introdotti nella casa di vacanza sita nel Comune, mentre i proprietari dormivano, praticando un foro su una delle imposte per consentire la sua apertura. I malviventi si erano impadroniti di denaro ed altri oggetti dei malcapitati che solo nella mattinata si erano avveduti di quanto accaduto. I Carabinieri della Stazione di Edolo intervenuti, nelle prime ore del mattina, per il sopralluogo si sono però insospettiti per l’avere notato tra gli oggetti sparsi sul pavimento solo metà della carta di identità della proprietaria (era stata quindi asportata la parte con l’indirizzo di residenza) invitandola a cercare le chiavi della sua casa milanese. Poiché le chiavi non venivano ritrovate, immediatamente tramite la Centrale Operativa della Compagnia di Breno, è stata allertata la Centrale Operativa del comando Provinciale Carabinieri di Milano che ha inviato una pattuglia presso la residenza dei due coniugi ove già era ad aspettarli un parente con chiavi di riserva.

Entrati in casa i militari hanno colto i due ladri mentre la stavano svaligiando. Tutta la refurtiva – compresa quella asportata in Corteno Golgi – è stata recuperata. I proprietari hanno espresso la loro grande gratitudine ai Carabinieri di Edolo che grazie alla loro intuizione e professionalità sono riusciti a recuperare quanto loro asportato nella notte e ad impedire che la loro casa milanese venisse svaligiata. I due albanesi già tratti in arresto, nei decorsi mesi, numerose volte per reati contro il patrimonio, sono stati tradotti davanti alla A.G. milanese che ne ha convalidato l’arresto.