BOVEGNO – “Festival O” al Paolo VI. Teatro povero su radici di alberi e persone

0

Stasera, venerdì 5 settembre alle ore 20,30, nell’auditorium “Paolo VI” di Bovegno si terrà il primo appuntamento di “Radici: Bovegno” che fa parte del “Festival 0”, progetto per un teatro sostenibile, che può esistere senza il superfluo, in povertà, ricco di corpi, voci, cuore, testa e storie.

BovegnoSui monti, nei campi, per strada, sotto un tetto, un anno dopo l’altro. Zero fari, zero casse, zero palchi, zero biglietti e zero impatto ambientale. Ci sono le radici degli alberi e le radici delle persone. Quando passano tanti anni, alberi e persone crescono e sviluppano radici profonde. Interessano le loro radici perché esse sono anche le proprie radici. Si viene da lì. Erano presenti, testimoni, quando ancora non si era nati.

Interessa ascoltare, conoscere, capire, ricordare e raccontare le loro storie perché nelle proprie storie scorra linfa viva. Perché se si hanno radici forti e vitali si può crescere con tronchi diritti, rami aperti e germogliare foglie, fiori, frutti e semi. Lo spettacolo è scritto è interpretato da Filippo Garlanda con Marco Poli, Matteo Bertuetti e Pietro Mazzoldi. L’ingresso è libero e l’uscita a cappello. I prossimi due appuntamenti saranno domenica 7 e 21 settembre, sempre alle 20,30. Per informazioni si possono contattare Filippo Garlanda al 348.5485520 e Pietro Mazzoldi al 320.1552362.