BRESCIA – Coppia lesbica va in tribunale per l’adozione della piccola Zoe

0

Simona, Gloria e la piccola Zoe unite in una battaglia le cui sorti saranno dalla magistratura italiana, una battaglia il cui obiettivo è quello di far sì che il genitore non naturale, dello stesso dell’altro, possa adottate il suo bambino.

giustiziaSimona, 31 anni, e la moglie Gloria, 29 anni, entrambe di Roncadelle, dopo anni di convivenza, hanno avvertito l’esigenza di avere un figlio: come si legge sulle colonne de Il Corriere della Sera, Gloria si è sottoposta a fecondazioneassistita  eterologa, effettuata a Copenaghen, ed è nata la piccola Zoe, che ora ha 9 mesi. Le due donne, quando Gloria era incinta, si sono sposate in Danimarca, in quanto la legge italiana non ammette il matrimonio fra persone dello stesso stesso. Zoe è nata a Brescia.

Nei giorni scorsi le due donne hanno appreso una notizia per loro davvero soprendente: il Tribunale dei Minorenni di Roma ha consentito l’adozione del figlio di una coppia lesbica da parte del genitore non biologico. Hanno quindi deciso, per mezzo dei loro legali, di intraprendere la stessa strada presso il Tribunale dei Minori di Brescia. Ad oggi, infatti, solo Gloria è legalmente rinosciuta come madre biologica della piccola, mentre diversamente deve dirsi per Simona. La sentenza costituisce un precedente importante, ma ancora non esiste una legge in materia.