GARDONE – Lavori finiti al Pronto soccorso. Qualità per 25 mila pazienti l’anno

0

Ultimi ritocchi al Pronto soccorso dell’ospedale di Gardone Valtrompia che, come dà notizia l’edizione odierna di Bresciaoggi, sarà consegnato domani, lunedì 1 settembre, alla comunità, in linea con i tempi che erano stati prefissati. I lavori erano iniziati alla fine di gennaio grazie a un contributo di 1,5 milioni di euro concesso dalla Regione Lombardia per ristrutturare e ampliare i locali ormai obsoleti e ai quali fanno riferimento ogni anno 25 mila persone.

Pronto soccorso (2)Le caratteristiche principali dell’intervento sono la qualità del servizio che gli utenti bisognosi di prime cure potranno toccare con mano, mentre si dovrà aspettare per quanto riguarda la zona dello smistamento in base ai vari codici di urgenza. Il direttore generale degli Spedali Civili di Brescia Ezio Belleri, interpellato dal quotidiano bresciano, si dice soddisfatto anche perché utenti e personale hanno dovuto avere a che fare con i cantieri nonostante il lavoro che non si è mai interrotto.

I prossimi settori a passare “sotto i ferri” saranno la portineria di ingresso e la zona rivolta all’accoglienza e al front office dell’ospedale per un servizio più moderno ed efficiente. I cantieri del Pronto soccorso sono partiti dalla zona posteriore, sede attuale dove gli utenti vengono accolti aspettando che si apra l’altra zona. Uno dei vantaggi che si troveranno con i locali raddoppiati e nuovi servizi più qualificati, sarà anche il fatto di non doversi spostare a Brescia per i trattamenti principali e generici.

Come sottolinea il direttore del Pronto soccorso triumplino Maurizio Poli, i nuovi locali garantiscono standard di qualità e sono più funzionali, oltre ad aumentare le cure alte, medie e basse permettendo ai cittadini di recarsi all’ospedale cittadino solo nei casi di cure specialistiche. In ogni caso, non sono stati registrati disagi particolari durante i lavori. I prossimi passi saranno la realizzazione della zona smistamento dove oggi ci sono l’Accettazione e la Prenotazione destinati all’attuale portineria, mentre quest’ultima verrà spostata all’ingresso.