BERGAMO – Caso Gambirasio, analisi sul pc del presunto assassino Bossetti

0

Nuovi sviluppi nel caso Yara Gambirasio, il presunto colpevole si trova in carcere dal 16 giugno, e continua a dirsi innocente, nel frattempo le indagini proseguono.
Recentemente è stato analizzato il suo pc, dal quale sarebbero emerse delle ricerche, tramite la cronologia del computer a siti pedopornografici, in particolare risulterebbe essere stata digitata la parola “tredicenni”.
Questo è quanto è stato scritto dal quotidiano “La Repubblica”, nel periodo precedente il suo arresto dal suo computer sono state fatte queste ricerche, si legge nell’articolo: “Sul motore di ricerca viene digitata la parola “tredicenni”, seguita da caratteristiche e dettagli porno”.ALLARME BOMBA AL TRIBUNALE DI BG
Le indagini non sono ancora terminate, gli accessi non sono databili, inoltre, il computer dell’indagato non era nuovo, e non si può ancora dimostrare, che sia stato proprio lui ad effettuare tali ricerche.
Subito arriva la smentita e la replica alle parole presenti nell’articolo del quotidiano “La Repubblica” da parte  dell’avvocato del presunto colpevole: “Non ci sono accessi a siti pedopornografici”.