VAL DI NON – A Castel Thun i “Bandus” raccontano storie per bambini di tutte le età

0

Guarda con costante attenzione anche al pubblico dei bambini il programma della rassegna «dicastelincastello», promossa dal Servizio Attività Culturali della Provincia autonoma di Trento e curata dal Centro Servizi Culturali S. Chiara in collaborazione con Museo Castello del Buonconsiglio e Coordinamento Teatrale Trentino. E sarà ancora una proposta del Coordinamento Teatrale ad animare martedì 19 agosto i grandi spazi di Castel Thun dove, a partire dalle 16.30, la Compagnia “Bandus” sarà protagonista di «Storie a Castello».

B-0616-castel-thun-schloss-thunIl gruppo rivano «Bandus…I narratori» ha fatto della narrazione la sua arte. Licia Bugoloni, Ciro Frizzi, Giulia Piccioni e Daniele Remondini si sono formati partecipando nel 1998 al “Pubblico Narratore”, un corso organizzato dal comune di Riva del Garda e condotto da Paola Ruffo e Paolo Domenico Malvinni. Si trattava di animare la Piazza con racconti e storie, puntando ad attirare l’attenzione dei passanti. I Bandus hanno poi continuato sulla strada della pura narrazione, pur proseguendo nella formazione frequentando i corsi di teatro tenuti da Laura Curino, Giampiero Pizzol, Giacomo Anderle, Andrea Brunello, Elena Marino ed Olli Rasini.

Sono stati invitati a raccontare le loro storie in occasione di molte iniziative organizzate in Trentino – Alto Adige e in Veneto, ma anche ad “ArteinGioco”, una manifestazione organizzata a Milano da Claudio Cavalli, autore del programma televisivo L’Albero Azzurro. La loro formula è semplice: narrare, incantando grandi e piccini con la voce, raccontando storie divertenti e appassionanti, lasciando spazio all’immaginazione di chi ascolta e si rende disponibile a lasciarsi trasportare nel magico mondo delle storie.

In quanto al loro nome, il riferimento è a quando da bambini si giocava a “rialzo”, a “ciapanò”, o a “corri e scappa” e, ad un certo punto, qualcuno gridava… Bandus, cioè Pausa! (forse da noi era più usata la versione “Bando!”). Insomma i Bandus ci vogliono regalare una pausa, per poterci abbandonare alla fantasia e all’immaginazione, per lasciarci incantare e tornare un po’ bambini.

Lo spettacolo consta di racconti adatti a bimbi di qualsiasi età e i narratori si alternano nel racconto, a volte aiutandosi con piccoli oggetti di scena.