COLLIO – Il “New Deal” della scuola italiana di sci “Tre Valli” con Tanghetti

0

Un piccolo, importante New Deal si apre per la Scuola Italiana di Sci Tre Valli. In questa estate autunnale il buon Franco ‘Franchino’ Tanghetti, monumentale Direttore della scuola ci ha rilasciato un’intervista. E non è una cosa così semplice perché l’estroverso Franchino ti dice “Ci vediamo domani mattina” ma quel ‘domani mattina’ è un qualsiasi pomeriggio di due settimane dopo, quando, all’improvviso, ti capita tra capo e collo e o fai l’intervista o fai l’intervista: prendere o lasciare. Comunque ce l’abbiamo fatta.

Tre Valli3La scuola che, come si sa, ha sede a Collio e un ‘distaccamento’ al Passo Maniva, è forte di un organico di una trentina di maestri e anche quest’anno, nonostante il meteo non sia stato particolarmente favorevole (tanta neve ma poche giornate belle), il programma è stato agevolmente completato. Proficua e irrinunciabile resta la collaborazione con Maniva Sky che lavora costantemente per migliorare e rendere sempre più piacevole e sicura la permanenza, sui campi da sci, degli appassionati. Tutti i Campi Scuola, ad esempio, sono dotati di tapis roulant.

Quest’annata sciistica ha visto un forte impegno nell’accoglienza e nell’insegnamento dello sci ai diversamente abili. In collaborazione con la scuola di Asiago che, in questo campo, vanta una professionalità unica, i maestri della Tre Valli, hanno ‘importato’ le nozioni, psicologiche e pratiche, per avvicinare allo sci le persone meno fortunate. Con ottimi risultati: una quarantina sono stati gli alunni diversamente abili che quest’anno hanno potuto usufruire della professionalità sempre più vasta e puntuale degli insegnanti della Tre Valli.

La Tre Valli, peraltro, copre tutte le possibili ‘fantasie’ sportive che si possono realizzare sulla neve: dal classico sci alpino allo snow board. Il Franchino, inoltre, sottolinea come si assista a un avvicinamento di istituti scolastici e Oratori al Comprensorio Sciistico del Maniva. Logisticamente ben messo, con impianti all’avanguardia, con una capacità ricettiva di alto livello e con personale (sia insegnante che tecnico) qualificato Maniva Sky rappresenta un notevole passo avanti nella potenziale crescita turistica dell’Alta Valtrompia. La Tre Valli può oltretutto contare su forze nuove e giovani, su ragazzi che a breve diventeranno maestri di sci (e non è semplice: dopo aver superato una lunga serie di corsi e di prove, i futuri maestri devono dedicare cento giorni al perfezionamento, tecnico e normativo, per poter, finalmente, ottenere il tiolo di Maestro di Sci) e che godono dell’esperienza e degli insegnamenti degli anziani.

Il Franchino però ha un tarlo che lo rode: riuscire a mettere in cantiere attività che coinvolgano la scuola anche nel periodo estivo, attività che avvicinino alla montagna passando attraverso la mountain bike o il trekking. Insomma il Franchino vuole una scuola a trecentosessanta gradi per trecentosessantacinque giorni l’anno. Intanto l’esuberante Direttore punta sul marketing e sulla pubblicità nelle scuole e nei centri di aggregazione giovanile. Certo è che un aiuto, una collaborazione sotto qualsiasi forma, degli Enti Pubblici, non farebbe male…

Il Nuovo Corso, in verità, lo si intuisce non solamente dalle parole del guizzante ma dal clima all’interno della scuola che va delineandosi come gruppo di amici più che di freddi professionisti; un coeso corpo di simpatici docenti che remano tutti nella stessa direzione