ROMA – Imprese, fiducia europea stabile. In Italia aumenta di più

0

In Europa, la fiducia, ovvero la percezione delle imprese circa il futuro dell’economia viene definito dal “sentiment”; l’indicatore (ESI), che rileva il clima economico, si compone di una serie di fattori, quali la produzione industriale, e viene calcolato nell’ambito del programma europeo Business and Consumer attraverso una serie di misurazioni statistiche. Ebbene, secondo gli ultimi dati della Commissione europea, il sentiment delle imprese dei Paesi che aderiscono alla moneta unica, è rimasto pressoché invariato, aumentando di 0,17 punti (contro le attese di 0,2) e posizionandosi a 102,2.

Europa-unitaNell’Unione Europea presa nel suo insieme, invece, l’indicatore registra un lieve calo, pari a 0,6 punti, passando così a 105,8. L’Italia è il Paese in cui si osserva la crescita maggiore, pari a un incremento di 1,6 punti (l’indice passa così a 101,9). Si segnalano incrementi significativi anche in Francia (+0,5 punti, a 95,8) e Olanda (+0,4 a 101,7).

Fonte: CGIA