BRENO – Ubi Banca, approvata la relazione semestrale

0

Il Consiglio di Amministrazione di Banca di Valle Camonica ha approvato la semestrale 2014, chiusa con un utile netto di 2,89 milioni di euro, in aumento rispetto agli 1,19 milioni dell’anno precedente.

La crescita della Banca è testimoniata anche dal flusso netto positivo di oltre 450 nuovi clienti registrato nel corso del semestre, che porta a 77.704 la base complessiva della clientela. A livello patrimoniale, nonostante il perdurare di un contesto economico non certo favorevole, gli impieghi ammontano a 1,84 miliardi di euro (+0,16%) rispetto a fine 2013, a testimonianza del sostegno che la Banca non ha fatto mancare alle piccole/medie aziende ed alle famiglie a cui sono stati erogati oltre 98 milioni di euro nel corso del primo semestre (+ 3,43%) rispetto al primo semestre del 2013.

Sede_della_Banca_di_Valle_Camonica_-_Breno_(Foto_Luca_Giarelli)I mezzi amministrati della clientela ammontano a 3,06 miliardi di euro, in aumento del 8,8% rispetto alle consistenze di fine 2013. La raccolta diretta è risultata pari a 1,64 miliardi di euro, in incremento del 6,2% rispetto al valore di fine 2013. La raccolta indiretta, ai valori di mercato, passata da 1,28 miliardi a 1,43 miliardi di euro (+11,93%) all’interno di questa voce significativo è stato il contributo dato dal Risparmio Gestito cresciuto del 7,34%. Banca di Valle Camonica vede confermata la propria solidità patrimoniale: l’indicatore CET 1 si è attestato al 9,19%, superando gli standard richiesti dagli organismi nazionali ed internazionali.

Con riferimento ai risultati economici, i proventi operativi si sono attestati a 32,9 milioni di euro, in crescita dell’11,88% rispetto al dato al 30 giugno 2013 per effetto dell’andamento positivo del margine d’interesse (+ 20,49%) e dal più marcato apporto commissionale (+ 7,96%). Gli oneri operativi ammontano a 20,5 milioni di euro, aumento (+2,67%) dovuto alla componente spese per il personale.

Le rettifiche nette per deterioramento crediti sono state pari a 7,1 milioni di euro rispetto ai 6,6 milioni dello stesso semestre dell’anno precedente. Complessivamente il costo del credito si attesta allo 0,77%, rispetto allo 0,72 % del periodo di raffronto. La Banca è operativa con 66 sportelli distribuiti in 4 province: Brescia, Bergamo, Sondrio e Como.

Il Consiglio di Amministrazione nel corso della riunione ha altresì deliberato di convocare l’Assemblea Straordinaria dei Soci al fine di procedere, su espresso indirizzo della Capogruppo, ad un aumento di capitale di 30 milioni di euro. L’operazione è finalizzata a dotare la Banca di ulteriori mezzi per sostenerne lo sviluppo. La proposta è già stata oggetto di preventiva autorizzazione da parte della Banca d’Italia.