BERGAMO – Settimana Ciclistica Lombarda: l’appuntamento è annullato

0

A malincuore e con grande dispiacere il Gruppo Sportivo Domus ha deciso di annullare la Settimana Ciclistica Lombarda by Bergamasca Memorial Adriano Rodoni, gara a tappe per professionisti che doveva tenersi tra le province di Bergamo e Brescia dal prossimo 3 al 7 settembre 2014.
Il sodalizio presieduto da Gianni Sommariva, con presidente onorario Stefano Civettini, ha
cosi spiegato le motivazioni che hanno portato a questa decisione:
“In questi mesi ci abbiamo messo un impegno notevole per allestire una manifestazione che fosse all’altezza del prestigio della nostra Settimana Lombarda, ma la difficile situazione generale a livello economico ha indotto alcuni sponsor a rinunciare proprio nelle ultime settimane. Tutto ciò ha reso impossibile ottenere le garanzie economiche necessarie per proporre una corsa ad un livello prestigioso.
La scelta di annullare la gara è stata molto sofferta e combattuta ed è stata presa solo negli
ultimi giorni, ma ha prevalso sicuramente il buon senso e la certezza che a volte è più  saggio fermarsi e riorganizzarsi per ripartire al meglio, come un atleta che dopo una caduta è costretto a fermarsi per riprendersi e poi riprendere a pedalare sempre più grintoso e pieno di entusiasmo.2a9fd67db7c60b0329e211bf93b504f7-53664-d60de898a724ee08cd18cb615c784ee1
Siamo desiderosi di ritornare a rilanciare la Settimana Lombarda il prossimo anno per proseguire una tradizione che da 42 anni ha lanciato tanti campioni nel mondo del professionismo e che ha sempre espresso un amore incondizionato per il nostro ciclismo.
Siamo sicuri che gli atleti e gli appassionati comprenderanno la nostra posizione e condivideranno la nostra scelta. Ringraziamo i nostri dirigenti e collaboratori e tutti coloro che ci hanno sempre sostenuto e continuano a farlo, a livello morale, ciclistico e personale.  La vostra vicinanza è la soddisfazione che più  ci rincuora e che ci spinge a proseguire nonostante questo stop, una caduta dalla quale intendiamo rialzarci velocemente. Il nostro non è un addio ma un arrivederci alla prossima edizione”.