GARDONE – Rifiuti, porta a porta da settembre. Come si rivoluziona il sistema

0

“Siamo molto soddisfatti per l’ottimo risultato raggiunto nell’esito dell’aggiudicazione del bando congiunto fra i comuni di Gardone Valtrompia e Villa Carcina per il nuovo servizio di porta a porta integrale – dice l’assessore all’Ambiente di Gardone Piergiuseppe Grazioli.- A questo bando avevano partecipato 5 ditte, di cui 2 escluse. Siamo certi che anche questa volta i cittadini e le imprese gardonesi contribuiranno, con questo nuovo servizio, a rendere migliore la qualità di vita ed il decoro urbano della città. Avremo altresi, con l’eliminazione di tutti i cassonetti, marciapiedi più percorribili, sicuri e puliti, recupereremo ulteriori parcheggi, porremo altresi le basi per una progressiva diminuzione della tassa rifiuti con ‘chi più differenzia meno paga’”.

??????????????????????Ad aggiudicarsi il bando è stato il raggruppamento temporaneo d’impresa formato da Aprica, Asvt e Cauto sulla base d’asta di 1.143.510,99 euro all’anno + Iva e con un ribasso del 25,11% che permette un risparmio di 153.543,95 all’anno e per 5 anni di 767.719,26 euro. Il risparmio servirà per aggiungere ulteriori sistemi di controllo per abbandoni o non corretta “differenziazione del rifiuto”, progressiva diminuzione della tassa rifiuti e per una durata del servizio di 5 anni rinnovabili di altri 5. I prossimi  dell’amministrazione gardonese? Da metà settembre l’organizzazione di una serie di incontri illustrativi sul territorio comunale con cittadini, associazioni e amministratori condominiali, pubblicizzazione tramite la stampa, pannelli luminosi, bacheche comunali, sito internet e materiale divulgativo, distribuzione del “kit completo” necessario alle utenze domestiche e non domestiche, rimozione di 287 cassonetti “grigi e marrone” rimasti sul territorio, avvio del nuovo servizio di igene urbana, avvio di un “Eco Sportello” al Comune per tutte le informazioni e un “Eco sportello online” e di un app per smartphone e tablet per info varie, segnalazioni e reclami e prenotazioni di servizi a domicilio.

“E’ doveroso ricordare – prosegue l’assessore Grazioli – che il settore dell’igiene urbana ha attraversato in questi anni una fase di profonda trasformazione e la vigente normativa nazionale non parte più dal presupposto del ‘rifiuto da eliminare’, ma da quello del ‘rifiuto da valorizzare’ come risorsa ed energia, attraverso la realizzazione di una gestione integrata, che consenta di raggiungere precisi obiettivi. Le politiche e le azioni che la nostra amministrazione comunale vuole attuare sono rivolte alla prevenzione e riduzione della produzione di rifiuti all’origine, sia in termini quantitativi (peso/volume) che qualitativi (riduzione della pericolosità), recupero di risorse dai rifiuti, da attuarsi prioritariamente attraverso il recupero di materia e secondariamente attraverso il recupero di energia prevedendo la separazione delle diverse frazioni che costituiscono il rifiuto urbano e ricorso allo smaltimento come fase residuale dell’intero processo. Molti sono i motivi per continuare a differenziare la raccolta dei rifiuti. Innanzitutto – prosegue l’assessore – per un senso civico di rispetto dell’ambiente e delle risorse naturali, ma anche per un motivo economico: per carta, plastica, vetro e lattine, non è previsto un costo di smaltimento ma solo i costi di raccolta e trasporto, oltre che a contributi a livello nazionale da parte dei vari Consorzi di filiera.

rifiuti-differenziataL’obiettivo quindi della raccolta differenziata deve essere perseguito con maggiore tenacia anche alla luce di quanto previsto dalla normativa nazionale vigente: se non sono rispettati gli obiettivi minimi di raccolta differenziata, si incorre in un aumento dell’aliquota per il conferimento al termoutilizzatore a carico dei Comuni e, quindi, delle tariffe pagate dai cittadini”. Gli obiettivi che si vogliono raggiungere nel tempo sono quelli di legge, ridurre i rifiuti raccolti, incrementare la raccolta differenziata, non ricevere rifiuti dall’esterno, sensibilizzare i cittadini, applicare la tariffa puntuale, ridurre i costi e monitorare attentamente il servizio. Perché si è scelto il “porta a porta integrale”? “L’esperienza di molti altri comuni, che da anni hanno introdotto il sistema di raccolta porta a porta integrale – continua Grazioli – ha fatto individuare questa modalità di raccolta come sistema di riferimento per il Piano Regionale Rifiuti; pertanto anche il nostro Comune intende effettuare il “porta a porta integrale” individuando frequenze e contenitori che coniugano efficacia, efficienza ed economicità. Questo sistema soddisfa requisiti di servizio, sia in termini di obiettivi di raccolta differenziata, che di bisogni delle famiglie e delle aziende, nonché di decoro urbano. Di conseguenza saranno eliminati tutti i cassonetti presenti sul territorio comunale e saranno raccolte in modalità domiciliare, suddivise tra di loro, le seguenti tipologie di rifiuto: carta e cartone, imballaggi in plastica, vetro e lattine, umido e secco residuo”.

Tutte le raccolte saranno effettuate in soli due giorni settimanali (lunedi e giovedi) limitando l’esposizione sul suolo pubblico. In particolare, modalità e frequenze di raccolta delle diverse tipologie di rifiuto, sono varie. Carta e cartone il giovedì, imballaggi in plastica lunedì, vetro e lattine il lunedì, umido lunedì e giovedì. Per utenze con disponibilità di orti o giardini, è prevista la possibilità, alternativa alla raccolta domiciliare, di fare il compostaggio domestico ottenendo uno sconto sulla tariffa rifiuti. Infine, il secco residuo ogni giovedì. “Tale sistema è idoneo per l’implementazione della tariffa puntuale – continua l’assessore – che pensiamo possa essere introdotta già dalla metà del 2015. Altri servizi sul territorio: rimangono posizionati contenitori specifici per la raccolta di pile, farmaci e abbigliamento. Un ulteriore servizio previsto per le utenze domestiche è il ritiro domiciliare dei rifiuti ingombranti (max 3 pezzi o 2 mc.), da effettuarsi una volta al mese nella giornata di sabato, previa prenotazione”.

Il centro di raccolta rifiuti (isola ecologica di via Roma) è un elemento fondamentale del sistema di raccolta che viene potenziato in modo da incoraggiarne l’uso da parte di cittadini e aziende poiché aumenta l’efficienza di tutto il sistema. Sia i rifiuti delle raccolte domiciliari che quei rifiuti che, per loro natura o quantità, non possono essere raccolti con il sistema di raccolta domiciliare, sono conferibili dalle utenze domestiche e non domestiche al centro di Raccolta che vedrà un aumento delle ore di apertura, da lunedì a sabato per complessive 31 ore settimanali. L’accesso avverrà con sistema di identificazione dell’utente e pesatura dei rifiuti. I servizi di igiene urbana: si manterrà le alte frequenze di spazzamento, sia meccanico che manuale, delle strade e marciapiedi comunali e lo svuotamento cestini che caratterizzano il sistema attuale. I sistemi di monitoraggio: verranno utilizzati una serie di strumenti informatici che consentano di monitorare i servizi, sia per quanto riguarda l’uso da parte dell’utenza (registrazione utenti all’isola, registrazione reclami, registrazione sacchi consegnati…), sia per quanto riguarda il corretto comportamento del gestore (tracciabilità satellitare dei mezzi di spazzamento e raccolta differenziata, indagini di customer satisfaction).