VILLA CARCINA – Camper e auto in fiamme in via Leopardi, paura e nessun ferito

0

Tanta paura, ma per fortuna nessun ferito nella notte tra giovedì e venerdì a Cailina di Villa Carcina, in un garage che fa riferimento a una villetta di via Giacomo Leopardi, dove all’una un incendio ha distrutto un camper e bruciato tre auto presenti nella rimessa. L’abitazione della famiglia di Luciano Barbieri è stata dichiarata inagibile al primo impatto per una trave di sostegno surriscaldata dal calore provocato dalle fiamme e che avrebbe potuto mettere a rischio la stabilità della casa.

I mezzi bruciati - Fonte Bresciaoggi.it
I mezzi bruciati – Fonte Bresciaoggi.it

Entrando nei fatti, i residenti erano stati svegliati dall’allarme del camper parcheggiato in garage e, temendo un tentativo di furto, sono corsi a vedere cosa stesse accadendo. In quel momento hanno visto divampare le fiamme e hanno subito spostato all’esterno alcune auto parcheggiate nella stessa rimessa. Poi, però, la bombola del gas all’interno del camper, accesa dal fuoco, ha fatto da scintilla ed è esplosa rompendo le vetrine di alcune attività esterne e svegliando i residenti di soprassalto.

Sul posto sono subito intervenuti i vigili del fuoco per domare le fiamme e le forze dell’ordine per capire le cause. Alla base dell’incendio ci sarebbe un corto circuito all’alimentazione del camper che avrebbe fatto scattare una scintilla poi diretta alle altre auto e fino alla bombola di gas del camper che è saltata in aria. Il gas uscito dalla bombola ha poi creato un odore fastidioso che si è dissipato nell’aria.

Dopo i sopralluoghi fatti dai vigili del fuoco, la soletta che divide l’abitazione dal garage è stata dichiarata stabile, ma una trave di sostegno in acciaio si è surriscaldata con le alte temperature, tanto che la famiglia è stata costretta a dormire dai parenti. In ogni caso i danni alla struttura non sarebbero gravi, non ci sono stati feriti e si è trattata solo di tanta paura, anche se la famiglia dovrà quantificare i danni delle tre auto e del camper distrutti.