POLPENAZZE – Biofesta in castello: 16ma edizione in quattro serate con i prodotti lombardi

0

Dal 1 al 4 Agosto torna la Biofesta, tradizionale rassegna dell’estate gardesana dedicata alle produzioni biologiche dei territori bresciani e lombardi. Quattro giorni di enogastronomia, musica e riflessioni sulle tipicità del territorio e gli stili di vita ecocompatibili.

Organizzato dalla Associazione Naturalmente, in collaborazione con l’Associazione Scordium e l’Associazione“La Buona Terra” e con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale, la manifestazione spegne quest’anno le sedici candeline.

10450419_685425768216922_6119528776868016952_n

 

L’evento principale rimane il grande mercato dei produttori, in programma sabato 2 a partire dalle 16 e domenica 3 dalle 9, in cui troveranno spazio non solo le tipicità agroalimentari del territorio, dal Valtenesi DOC al pregiato olio extravergine di oliva GARDA DOP, ma anche formaggi vaccini e caprini, marmellate, miele, ortaggi, frutta, oltre che produzioni non food che hanno adottato la filosofia del biologico come ad esempio i cosmetici o l’abbigliamento. Non mancherà, poi, l’ormai rinomato “Biospiedo”, variante biologica del più classico fra i piatti della gastronomia bresciana, che sarà servito la sera di Venerdì 1 Agosto.

Da non sottovalutare il programma musicale, che vedrà alternarsi sul palco il cantautore Fulvio Anelli (venerdì 1), la cantante Laura Mor e Luca Bassanese (sabato 2), Titti Castrini (domenica 3) e gli Hippie Tendencies (lunedi 4).

La finalità della kermesse resta la promozione ed affermazione di un metodo di coltivazione ed allevamento rispettoso delle risorse ambientali, così da permettere anche alle generazioni future di poterne usufruire. Il soggetto di riferimento è, prima ancora del prodotto alimentare, l’ambiente in cui si opera. La filosofia dietro a questo diverso modo di coltivare le piante e allevare gli animali non è solamente legata all’intenzione di offrire prodotti senza residui di fitofarmaci o concimi chimici, ma risiede nella volontà di non determinare nell’ambiente esternalità negative a livello di inquinamento di acque, terreni e aria.