ROMA – Bonus Irpef, compensazione e sostituti d’imposta: chiarisce l’Agenzia delle Entrate

0

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare 22/E dell’11 luglio 2014, ha fornito alcuni chiarimenti sul provvedimento che contiene il bonus Irpef, dopo che il decreto relativo, nei passaggi parlamentari in cui è stato convertito in legge, ha subito alcune importanti modifiche. Anzitutto, viene precisato che alla compensazione tramite cui i sostituti d’imposta recuperano il credito non si applica il limite dei 700mila euro e neppure il divieto di utilizzo dei crediti laddove i debiti iscritti a ruolo siano di importo superiore a 1.500 euro.

Agenzia delle Entrate-3Viene, inoltre, fatto presente che il credito erogato si può recuperare esclusivamente attraverso l’utilizzo del modello F24, nel quale andrà indicato il codice tributo 1655, “mentre gli importi a debito compensati potranno riferirsi, a seconda dell’oggetto del versamento, alla medesima sezione Erario o alle sezioni INPS, Regioni, IMU e altri tributi locali, Altri enti previdenziali e assicurativi”. L’Agenzia precisa anche come vanno riportati il mese e l’anno sul modello F24: sarà necessario fare riferimento al giorno in cui il credito è stato erogato al lavoratore, anche laddove il credito venga utilizzato nel 2015; in genere, tale giorno coincide con il pagamento delle retribuzioni. Tuttavia, l’erogazione del credito effettuata nel 2015 ed entro il 12 gennaio dovrà essere considerata come avvenuta nel mese di dicembre 2014.

Fonte: CGIA