TRENTINO – I trekking sostenibili del DAV Summit

0

Viaggiare in maniera sostenibile, anche quando l’obiettivo è una camminata di una settimana, in Trentino si può. La riprova è venuta dal primo dei quattro trekking lungo il “Sentiero della Pace” compiuto la scorsa settimana da un gruppo di escursionisti e organizzato tramite il prestigioso Tour Operator DAV Summit, specializzato in esplorazioni e avventure sulle più belle montagne del pianeta tutto il mondo, che per la prima volta ha inserito questa proposta nel suo ricchissimo catalogo.

escursioni (1)(1)Oltre al tema, attualissimo nell’anno in cui si commemora il Centenario della Grande Guerra, un’altra peculiarità di questa esperienza escursionistica era l’alto livello di sostenibilità relativamente agli spostamenti sul territorio trentino. Il gruppo dei partecipanti ha, infatti, raggiunto il punto di partenza del trekking, Rovereto, sui treni della DB, partner di Trentino Marketing in questo progetto, direttamente da Monaco. Ma anche la maggior parte degli spostamenti tra una tappa e l’altra, sono stati effettuati con mezzi pubblici utilizzando la “Trentino Guest Card”. Gli escursionisti sono stati assistiti per l’intero trekking da Accompagnatori di escursionismo e guide alpine trentine.

I trekkers si sono mossi da Rovereto alla volta del Gruppo del Pasubio dove hanno percorso la celebre “Strada delle 52 Gallerie” fino al Rifugio “Achille Papa” proseguendo attraverso i teatri della grande guerra alla volta del rifugio “Vincenzo Lancia””. L’itinerario è proseguito in direzione degli Altipiani Cimbri, alla volta di Passo Coe, e del rifugio “Stella d’Italia”. Il quinto giorno il gruppo ha raggiunto Trento e dopo la visita al Muse ha proseguito verso la Val di Sole e Passo Tonale a bordo del trenino della Trento Malè. Dal Tonale si sono quindi diretti verso i teatri della Guerra Bianca, come il Sentiero attrezzato dei Fiori al Corno di Lagoscuro, il ghiacciaio del Mandrone, la Cresta Croce con il celebre cannone, la Cima Presena.

Molto apprezzato dai partecipanti, l’inserimento nel programma di alcuni momenti di approfondimento culturale: la visita al Mart e al Museo della Grande Guerra a Rovereto, quella al Muse a Trento, ma anche la Base Tuono a Passo Coe, Forte Belvedere a Lavarone, l’Istituto Mocheno Cimbro di Luserna e il Forte – Museo di Strino in Val di Sole. Un secondo e più numeroso gruppo di escursionisti sarà in Trentino per percorrere questo stesso itinerario, dal 20 al 26 luglio prossimi.