NEW YORK – Shia LaBeouf: dopo il sacchetto in testa, l’arresto

0

Stava assistendo a Cabaret, nel teatro Studio54 di Broadway. Ma non si è limitato a godersi lo spettacolo. Ed è finito in manette.

labeoufEcco l’ultima avventura di Shia LaBeouf, reduce dal (chiacchierato) Nymphomaniac vonTrieriano. Dopo le accuse di plagio del suo Howard Cantour, il nudo integrale nel video dei Sigur Ros, qualche arresto e un bizzarro sacchetto in testa sul red carpet del festival di Berlino, l’attore è stato nuovamente messo in manette dalla polizia statunitense dopo una serata a teatro.

Sigaretta accesa e atteggiamenti bizzarri (alcuni giurano di averlo visto rubare una fragola dal piattino di una signora durante l’aperitivo, e, poco prima, inseguire un barbone con addosso una maglietta tutta strappata – suscitando l’idea che non potesse essere così strafatto, ma che stesse provando ad interpretare una parte): un ufficiale l’ha invitato a spegnere la sigaretta e a comportarsi meglio, ed è lì che Shia l’avrebbe minacciato, scatenando l’arresto per minacce a pubblico ufficiale.

Subito Danny Burstein, probabilmente infastidito dal disturbatore, ha condiviso su Facebook la notizia, in tono tra l’ironico e il pungente: “Ladies and gentlemen, ecco la chiamata per il secondo atto. E per farvi sapere che Shia LaBeouf è appena stato accompagnato fuori dal teatro in manette”. Nessun segreto, quindi, anche perché l’attore è stato rilasciato immediatamente, dietro cauzione.