MILANO – Pirellone e Unioncamere, misure di promozione per i negozi storici

0

La Regione Lombardia e il Sistema delle Camere di Commercio Lombarde, attraverso l’assessorato al Commercio, Turismo e Terziario guidato da Mauro Parolini, attueranno nei prossimi mesi un articolato progetto di promozione delle attività commerciali e artigianali con almeno 50 anni di attività documentata, siano essi “Storiche Attività”, “Negozi/Locali Storici” o “Insegne Storiche e di Tradizione”. I negozi storici in Lombardia sono riconosciuti dal 2004: a partire da quella data la Regione Lombardia ha voluto sostenere tutte le attività commerciali con una storia di almeno cinquant’anni per preservarne i fattori culturali, sociali, economici e per valorizzarne la spiccata identità anche a favore del territorio di appartenenza. Con il contributo degli enti territoriali (dai Comuni alle Camere di Commercio, da Confcommercio a Confesercenti) si è avviata una complessa opera di divulgazione dell’attività e di reperimento dei soggetti candidabili. Assistendoli anche nell’iter di procedura, superato il quale queste attività sono state iscritte nell’apposito “Registro Regionale dei Luoghi Storici del Commercio” di fatto dei “Negozi Storici”.

ParoliniQuesta attività è stata costantemente seguita e sostenuta dall’assessorato al Commercio, Turismo e Terziario con risorse umane e professionali dedicate. Scorrere l’elenco è affascinante (chiunque lo può consultare digitando “Regione Lombardia Negozi Storici”). A fianco di nomi di grande rilievo che da tempo godono di risonanza internazionale, si possono scoprire attività che fanno parte della memoria collettiva e che si trovano in ogni angolo del territorio lombardo. Appartengono a una miriade di categorie merceologiche: da quelle più note e abituali a quelle che rischiano di essere addirittura sconosciute alle nuove generazioni. Tantissime attività erano presenti prima del ‘900, oltre 150 sono nate nel 1800, in quindici casi sono state fondate addirittura nel ‘700 e nel ‘600. Oggi, nel 2014 con quasi 1.200 iscritti al Registro, la Regione, con la collaborazione di Unioncamere Lombardia, ha ideato un’articolata “Strategia di visibilità” destinata a dare ampia notorietà ai “Negozi Storici”.

Per queste finalità è stato concepito un percorso di riposizionamento strategico dei “Negozi Storici” attraverso un progetto di comunicazione coordinata che ha l’obiettivo di valorizzarne e sostenerne la competitività, suggerendo percorsi di scoperta e rendendo protagonisti i clienti dei “Negozi Storici” con un concorso fotografico, il “Selfie Prize”. La modalità operativa prescelta dall’assessorato al Commercio, Turismo e Terziario è quella del cosiddetto “branding”. Uno sviluppo del marchio che ha per “target” il grande pubblico per informarlo e coinvolgerlo alla scoperta dei “Negozi Storici”. Al via quindi, già nel mese di luglio, un insieme di iniziative integrate di comunicazione, tese a favorire la scoperta da parte del pubblico dei numerosi Negozi Storici lombardi, concepite “in ottica Expo 2015”, per concorrere a rafforzare la riconoscibilità degli esercizi commerciali, qualificandoli come fattori di specificità e di attrattività.

Sviluppo del sistema coordinato di identità visiva e kit merchandising degli esercizi, attività di digital marketing e direct mail per la “messa in rete” dei Negozi storici, realizzazione del volume “Guide & Look Book” con le schede informative e la mappa di tutte le attività, predisposizione della segnaletica e della comunicazione outdoor, gestione della web presence che comprende applicazioni informative internet e mobile, attivazione e gestione di profili facebook, twitter, instagram, per incentivare l’engagement tramite pc e smartphone, definizione di itinerari tematici e/o merceologici per incentivare la shopping experience, attività di social media marketing per aumentare visibilità e riconoscibilità del brand “Negozi Storici”, campagne pubblicitarie sui media locali con elenchi degli iscritti e assegnazione di un premio al miglior selfie scattato dai clienti dei “Negozi Storici”. Focus sulla visibilità e sul coinvolgimento attivo del pubblico perché “visitare un negozio storico è un momento di emozione e cultura, un tuffo negli usi e costumi e nelle tradizioni del territorio ricco di fascino: un singolare punto di vista per chiunque voglia scoprire l’identità più profonda delle nostre città” ha dichiarato Parolini”. Il momento clou del percorso sarà nel prossimo mese di ottobre. Paolo Mieli, Presidente di Rizzoli Libri, presenterà e modererà l’ evento pubblico di premiazione dei Negozi Storici riconosciuti nel 2013.