COURMAYEUR – L'estate 'estrema' a Courmayeur: va in scena passione verticale

0

La Passione Verticale è un impulso irresistibile, l’ambizione di oltrepassare i propri limiti, avendo come banco di prova la montagna. “Passione Verticale” è il titolo di una rassegna che porterà a Courmayeur, dove sono state scritte alcune delle più belle pagine dell’alpinismo, i più brillanti alpinisti del presente e del passato. Teatro del festival, il Jardin de l’Ange, nel cuore di Courmayeur.

Redirect.aspxI primi ad incontrare il pubblico saranno, il 31 luglio, le guide alpine Edmond Joyeusaz e Federico Colli, che illustreranno la loro Ski Challenge himalayana, ovvero il tentativo di effettuare la prima discesa con gli sci del Lhotse. Il 2 agosto, spazio al grande alpinista Pierre Mazeaud, grande amico di Bonatti, che racconterà non solo il suo amore per la montagna, ma anche l’attività di fine giurista e uomo politico francese. Il 9 agosto arriveranno a Courmayeur Arnaud Petit e Stéphanie Bodet: i “vagabondi della verticale”, una coppia nella vita e tra le rocce, renderanno il pubblico partecipe delle loro avventure nel mondo dell’arrampicata. Il 17 agosto sarà presente invece un terzetto tutto femminile: Angelika Rainer, vincitrice della coppa del mondo di ice climbing, tre volte campionessa mondiale della specialità, Anna Torretta, unica donna nella Società delle Guide Alpine di Courmayeur, pluricampionessa italiana di arrampicata su ghiaccio, vice-campionessa del mondo, e Linda Cottino, giornalista specializzata in alpinismo, trekking e montagna, appassionata camminatrice. Gli appuntamenti, previsti per le ore 21.15, saranno moderati da Enrico Montrosset.

Oltre ai Volti di Passione Verticale, la rassegna propone la sezione Libri e la sezione Film, dedicate al tema della montagna e dell’alpinismo. Due le “avventure di carta”: La traversata delle Alpi da Thonon a Trento, di Douglas W. Freshfield, presentato al pubblico il 3 agosto, alle 18, da Angelo Recalcati, e introdotto dal prof. Giorgio Bertone, e “I vagabondi delle Alpi”, di Luciano Mareliati, introdotto da Moreno Vignolini il 13 agosto, sempre alle 18. La sezione cinematografica è stata allestita in collaborazione con il Cervino CineMountain Festival: in calendario ci sono il film “180° South”, di Chris Malloy (4 agosto), “Il neige à Marrakech”, cortometraggio di Hicham Allayat, seguito da “Vite tra i vulcani”, di Mario Casella e Fulvio Mariani (11 agosto), e “Verso Dove”, di Luca Bich, dedicato alla figura di Kurt Diemberger (18 agosto).

La serata Best of Alpinism, il 14 agosto, alle 21.15, è invece dedicata alla proiezione del film “Piolet d’Or Carrière – premio Walter Bonatti”, che racconta del prestigioso riconoscimento intitolato al grande alpinista che forse più di ogni altro ha incarnato lo spirito della Passione Verticale.

La “Passione Verticale”, infine, è amore per la montagna a 360°: ecco perché all’interno della rassegna è stata organizzata, il 24 agosto, alle 21.15, la serata Courmayeur Best of Freeride, con la proiezione delle clip 2013/2014 di Click on the Mountain e del Freeride World Tour, due grandi appuntamenti internazionali che hanno lanciato la località nell’Olimpo delle migliori destinazioni per questa specialità invernale.