SAREZZO – Dossi pericolosi in Val di Sarezzo, Comitato: “Sono poco segnalati”

0

Aggiornamento ore 15 L’incidente tra lunedì e martedì che ha coinvolto un quad con a bordo due saretini ha convinto il Comune a mettere mano ai dossi della Valle di Sarezzo. Nel momento in cui stiamo scrivendo, sono partiti i lavori per rendere più visibili i dissuasori con sgargianti colori rossi che li rende “accesi” durante la notte, evitando quindi incidenti e il rischio di non vederli.

(11-6 ore 14,30) Troppi dossi e poco segnalati in Valle di Sarezzo. La polemica sollevata dai residenti del quartiere al confine tra Lumezzane e Sarezzo è tornata di moda dopo che nella notte tra lunedì e martedì un quad con a bordo due saretini si era rovesciato in corrispondenza del dissuasore davanti al bar Dario.

Dosso teatro dell'incidente
Dosso teatro dell’incidente

I due ragazzi non hanno avuto gravi conseguenze, ma la presenza massiccia di dissuasori di velocità dal semaforo del confine tra la Valgobbia e la Val di Sarezzo e fino al centro abitato ha riacceso gli animi dei cittadini. Tutti, in realtà, sono favorevoli a misure di prevenzione per rallentare la circolazione dei mezzi visto che spesso si registravano sorpassi pericolosi e auto sfrecciare, insieme a motorini in fase di guida precaria.

Ma come ha sottolineato Sergio Piccini, consigliere del comitato di quartiere della Val di Sarezzo, intervistato da Bresciaoggi, “sarebbero stati meglio gli autovelox e sui dissuasori noi li abbiamo favoriti, ma non così poco evidenti, mal segnalati e in misura elevata”. E il neo sindaco Diego Toscani getta acqua sul fuoco. “Prima bisogna valutare cosa dicono i carabinieri a proposito dell’incidente del quad – ha detto al quotidiano bresciano – e nei prossimi giorni faremo una nuova passata di vernice sulle strisce, visto che la segnaletica verticale è già esistente”.